Sanofi Pasteur Msd si aggiudica il riconoscimento “Best Workplace 2015”

Nella classifica Great Place to Work® l’azienda farmaceutica al primo posto in Italia fra le Piccole e medie imprese per il miglior ambiente di lavoro

sanofi acquisizione

Fra le Piccole e medie imprese (Pmi) italiane, il titolo di “Best Workplace 2015” per il miglior ambiente di lavoro spetta a Sanofi Pasteur MSD. L’azienda produttrice di vaccini si è classificata prima nella graduatoria stilata dal Great Place to Work® Institute.

La classifica viene redatta ogni anno in base sia al giudizio dei dipendenti che a un’attenta analisi delle pratiche di gestione delle risorse umane. I dipendenti, attraverso la compilazione di un questionario denominato “Trust Index”, assegnano alla loro azienda un punteggio come “Best Workplace”. Il questionario valuta il livello di fiducia reciproca con il management aziendale, di orgoglio per il proprio lavoro e per l’azienda per cui si opera e la qualità del rapporto con i propri colleghi. Il resto del punteggio viene determinato con un questionario (Culture Audit), che analizza la “cultura organizzativa” che ciascuna delle aziende partecipanti sottopone al giudizio di Great Place to Work Institute.

“La valorizzazione del capitale umano è il primo e il più importante investimento della nostra azienda” afferma Nicoletta Luppi, presidente e amministratore delegato di Sanofi Pasteur MSD – La nostra organizzazione è basata sui pilastri di merito, innovazione, etica e miglioramento continuo e conta al suo interno 80 dipendenti altamente qualificati (l’80% è in possesso di diploma di laurea, di cui il 15% è in possesso di master o specializzazioni post-lauream), la cui età media si attesta intorno ai 43 anni. La percentuale di donne è in generale del 60%, tra i manager del 50%, nelle figure apicali è del 42%, nel cda del 50%, il giusto mix se si considera che merito e comportamenti virtuosi sono i soli parametri considerati per lo sviluppo di carriera. Questi pilastri, che poggiano sui valori della trasparenza e del forte spirito di squadra, si traducono in programmi e politiche concrete di gestione delle Persone. La visione di Sanofi Pasteur MSD è di essere riconosciuti per la nostra innovazione, la nostra expertise, la nostra etica ed il nostro impegno nel proteggere la vita di adulti e bambini”.

Nell’ultimo biennio, Sanofi Pasteur Msd Italia ha affrontato un processo di rinnovamento, con un nuovo management e un nuovo modello di business “efficiente, innovativo e orientato al cliente”, si legge in un comunicato dell’azienda.

“Essere annoverati come prima fra le aziende eccellenti d’Italia per ambiente di lavoro e l’assegnazione del riconoscimento di “Best Workplace” non potranno che ulteriormente incrementare il senso di orgoglio e di appartenenza di tutti i nostri dipendenti e del management – commenta Sara Razzicchia, direttore delle Risorse Umane dell’azienda – Nell’ultimo anno abbiamo dedicato ben 19 ore medie di formazione pro-capite ed introdotto la cultura del feedback a 360°. Abbiamo avviato percorsi di sviluppo individuale e ad hoc per i talenti, avendo nel frattempo anche attratto talenti dall’esterno con l’obiettivo di arricchire la nostra cultura aziendale. Abbiamo creato ed affidato all’ ‘Engagement Team’ interno all’azienda l’obiettivo di realizzare attività motivazionali e di trovare soluzioni pratiche con approccio bottom-up per migliorare l’equilibrio tra attività lavorativa e vita privata ed abbiamo stilato una carta dei comportamenti virtuosi per lavorare bene insieme”.