Recordati: nel primo semestre 2015 utile netto a +23,3%

Numeri in crescita rispetto allo stesso periodo del 2014. In aumento del 6,2% i ricavi consolidati. Riviste al rialzo le stime per l'intero anno

Un utile netto pari a 103,2 milioni di euro, in crescita del 24,3% rispetto al primo semestre del 2014, con un’incidenza sui ricavi del 19,2%. Sono questi i numeri di Recordati per la prima metà del 2015 resi noti dall’azienda dopo che il consiglio di amministrazione ha approvato la relazione finanziaria al 30 giugno scorso.

I ricavi consolidati, pari a 539,1 milioni di euro, sono in crescita del 6,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. I ricavi internazionali, che rappresentano il 78,5% del totale, crescono del 10% mentre i ricavi in Italia, pari al 21,5% del totale, sono in diminuzione del 5,8%. L’Ebitda è pari a 163,9 milioni, in crescita del15,5% rispetto al primo semestre del 2014, con un’incidenza sui ricavi del 30,4% grazie al miglioramento dell’utile lordo e alla contenuta crescita dei costi operativi.
L’utile operativo è pari a 145,2 milioni, in crescita del 19,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, con un’incidenza sui ricavi del 26,9%. La posizione finanziaria netta al 30 giugno 2015 evidenzia un debito netto di 139,9 milioni, in diminuzione di 46,2 milioni rispetto al 31 dicembre 2014 dopo il pagamento di dividendi per un totale di 49,2 milioni. Il patrimonio netto è cresciuto fino a 874,9 milioni.

“I risultati economici del primo semestre confermano la continua crescita dei ricavi e l’ulteriore miglioramento della nostra redditività”, commenta Giovanni Recordati, presidente e amministratore delegato dell’azienda.  E aggiunge: “L’attività del gruppo è continuata nel mese di luglio in linea con l’andamento del semestre e conseguentemente gli obiettivi per l’intero anno 2015 sono stati rivisti al rialzo rispetto alle previsioni annunciate il 12 febbraio 2015”. La previsione è di realizzare ricavi per circa 1.040 milioni di euro, un utile operativo di circa 270 milioni e un utile netto di circa 190 milioni”.