Avastin-Lucentis: la sentenza del Consiglio di Stato è attesa nel 2016

Oggi c'è stata l'udienza dopo che il Tar del Lazio aveva bocciato i ricorsi di Novartis e Roche contro la multa da 180 milioni di euro comminata dall'Antitrust per comportamento anticoncorrenziale

La sentenza del Consiglio di Stato sul caso Avastin-Lucentis dovrebbe giungere entro il 2016. Possibilmente dopo il pronunciamento della Corte di Giustizia europea. Lo ha spiegato oggi alla stampa l’avvocato Raffaele La Placa, legale della Società italiana di oftalmologia (Soi) da cui erano partite le prima denunce contro la rimborsabilità approvata dall’Aifa per il costoso anticorpo monoclonale di Novartis (Lucentis), in luogo dell’analogo di Roche (Avastin), impiegato nel trattamento della degenerazione maculare senile. Passo dopo passo, tali denunce portarono a una maxi multa di 180 milioni di euro, comminata alle due aziende da parte dell’Autorità Antitrust italiana per comportamento anticoncorrenziale.
Oggi si è tenuta l’udienza d’appello davanti al Consiglio di Stato (durata tre ore) cui hanno preso parte i rappresentanti corporate e nazionali delle due industrie coinvolte, nonché della Regione Emilia Romagna, che da sempre difende l’impiego del farmaco meno costoso. Al cospetto del Consiglio di Stato si è giunti dopo che il Tar del Lazio aveva respinto i ricorsi aziendali esattamente un anno fa (2 dicembre 2014).