Vaccini, Trump vuole un esponente “no vaccini” alla guida della commissione scientifica del suo governo

Robert Kennedy, nipote dell'ex presidente ucciso a Dallas, sarebbe l'uomo che Trump vorrebbe alla commissione sicurezza e fondatezza scientifica dei vaccini. Da valutare quanto questa nomina possa pesare sulla politica Usa in materia di sanità.

donald-trump

Robert F. Kennedy Jr., nipote del presidente Kennedy e uno dei principali sostenitori della ‘crociata anti-vaccini‘ negli Usa, sarebbe stato scelto dal presidente-eletto Donald Trump per guidare la commissione del suo governo sulla sicurezza e la fondatezza scientifica dei vaccini. Secondo quanto riporta il New York Times oggi, Kennedy ha reso noto che lo stesso Trump glielo ha chiesto ieri durante un incontro alla Trump Tower. La nomina di Kennedy, secondo gli esperti, potrebbe essere una conferma che il presidente eletto Trump sia propenso a dare credito alle teorie sui pericoli delle vaccinazioni e in particolare sui legami, sempre smentiti dal mondo scientifico, tra vaccini e autismo, e potrebbe avere conseguenze sulle politiche statunitensi al riguardo. Nonostante ciò, si legge sul sito del New York Times, sia Trump che Kennedy si sono sempre ritenuti in favore delle vaccinazioni. “Sono favorevole – ha detto il presidente-eletto – ma vorrei una quantità minore di dose per un periodo di tempo più lungo”. Non è un segreto, inoltre, che il futuro inquilino della Casa bianca ritenga che tra vaccini e autismo ci sia un collegamento tanto che in un dibattito a settembre 2015, Trump ha dichiarato di conoscere personalmente pazienti che hanno scontato sulla propria pelle questa causa-effetto.
Poche ore dopo l’annuncio di Kennedy, inoltre, il portavoce del presidente eletto, Hope Hicks ha detto che Trump “sta valutando la possibilità una commissione sull’autismo, una malattia che colpisce così tante famiglie”.
La possibilità che Trump possa avviare una Commissione di inchiesta sulla sicurezza dei vaccini lo metterebbe in contrasto con le posizioni assunte finora dal Governo americano in materia, che ha un Comitato federale sui vaccini, composto da esperti medici e di salute pubblica, che raccomandano la
profilassi negli Stati Uniti. Specialisti che hanno sempre contestato la validità delle tesi sostenute da Kennedy, considerate frutto di una pericolosa teoria del complotto. “È veramente preoccupante. È difficile immaginare qualcuno meno qualificato di lui a guidare una Commissione sui vaccini”, ha
dichiarato, commentando la possibile nomina di Kennedy, Peter Hotez, direttore della National School of Tropical Medicine e presidente del Sabin Vaccine Institute.