Fujifilm si butta sui farmaci biotecnologici

L'azienda giapponese vorrebbe ampliare il proprio business puntando ai farmaci biotecnologici, soprattutto negli Usa e nel Regno Unito. Si prevede un investimento di circa 14 miliardi di yen

L’azienda fotografica Fujifilm Holdings Corp, sta pensando a nuovi mercati. Uno di questi sarebbe la produzione di farmaci negli Stati Uniti e nel Regno Unito, tanto che i vertici societari stanno cercando industrie biofarmaceutiche da acquistare. Stando a quanto rivela Bloomberg, la compagnia giapponese si è orientata sui medicinali già da un paio d’anni e spera di raggiungere un fatturato di circa cento miliardi di yen (921 milioni di euro) entro la fine di marzo 2024 grazie ai contratti stipulati con le maggiori compagnie produttrici di farmaci. L’espansione nel biotecnologico fa parte di un business plan molto preciso che prevederebbe il raggiungimento di un triliardo di yen entro il 2019. L’investimento sarà di quattordici miliardi di yen, almeno stando alle dichiarazioni del General manager della divisione BioCDMO di Fuji, Takatoshi Ishikawa.
Le intenzioni dell’azienda sono chiare e Fujifilm vorrebbe competere sul mercato con colossi come la svizzera Lonza Group Ag e la tedesca Boehringer Ingelheim. Come se non bastasse, i giapponesi pianificano di rendere operativi tre centri di sperimentazioni di anticorpi in Texas entro la fine del prossimo anno.