hacker


Dispositivi medici, Fda pubblica nuove linee guida contro gli attacchi informatici
28 dicembre 2016

Dispositivi medici, Fda pubblica nuove linee guida contro gli attacchi informatici

Troppe falle nella sicurezza che possono mettere a rischio la vita e la salute dei pazienti. Studi internazionali, come quello di Deloitte, hanno messo in luce tutte le problematiche di un settore che è diventato il bersaglio preferito degli hacker. La sanità è la vittima ideale.

“Pompa insulinica a rischio hacker”, la J&J avvisa i pazienti diabetici
5 ottobre 2016

“Pompa insulinica a rischio hacker”, la J&J avvisa i pazienti diabetici

Anche se il rischio è basso vi è comunque la possibilità che un hacker si “intrometta” nella comunicazione tra telecomando e dispositivo medico creando non pochi disagi per i pazienti diabetici. A dare l'allarme è la stessa Johnson & Johnson negli Stati Uniti, che in una lettere inviata a medici e pazienti spiega anche come evitare gli attacchi

Aziende ancora poco preparate sulla protezione dei dati
20 settembre 2016

Aziende ancora poco preparate sulla protezione dei dati

Lo rivela un’indagine condotta da Lloyd’s sul cyber risk: a due anni dall’entrata in vigore del Regolamento Generale per la Protezione dei Dati (GDPR) le aziende del settore medico sanitario sottovalutano il potenziale impatto di un attacco informatico, con solo il 12% che ritiene di poter avere una perdita di clientela a causa di questo

Dispositivi biomedicali, la sicurezza informatica è ancora lontana
27 giugno 2016

Dispositivi biomedicali, la sicurezza informatica è ancora lontana

Lo rivela un’indagine condotta nell’ambito dell’industry Life Science&Health care da Deloitte, in 24 strutture pubbliche e private, dislocate in nove Paesi tra Europa, Medio Oriente e Africa (Emea). La maggior parte dei paesi è indietro su tutto. Dall’utilizzo di password a prova di hacker al monitoraggio della sicurezza dei devices

Aifa, la banca dati online nel mirino di Anonymous
30 aprile 2015

Aifa, la banca dati online nel mirino di Anonymous

Nella notte il portale dell’Agenzia italiana del farmaco violato dai cyberattivisti. In un comunicato critiche a “Big Pharma” e la richiesta di garantire "il diritto all'assunzione e alla coltivazione personali di cannabis per uso terapeutico"