Bayer acquisisce la startup tedesca Targenomix per accelerare sulla protezione delle colture

Bayer
Pubblicato il: 17 Novembre 2022|

Bayer ha acquisito la startup biotecnologica tedesca Targenomix, spin-off del Max Planck Institute for Molecular Plant Physiology (Mpi Mpp), che utilizza nuovi strumenti di biologia dei sistemi e scienze della vita computazionale per identificare nuove modalità di azione per i composti per la protezione delle colture.

Gli obiettivi

Le competenze di Targenomix giocheranno un ruolo importante nel mantenere l’impegno di Bayer rivolto alla progettazione di molecole sicure ed efficaci con il potenziale per rendere la produzione agricola più sostenibile nonostante le sfide dinamiche come il clima cambiamento e aumentando la resistenza alle erbe infestanti, alle malattie e agli insetti.

Affrontare le sfide dell’agricoltura

“L’approccio di Targenomix ha dimostrato di avere molto successo”, ha affermato Robert Reiter, responsabile della ricerca e sviluppo presso la divisione Crop Science di Bayer. “Utilizzando un approccio di biologia dei sistemi unico e olistico e sfruttando le competenze leader sulla base di una solida base scientifica derivante dall’MPP MPI, l’azienda ha fornito numerosi nuovi obiettivi e modalità di azione per le piccole molecole nel controllo delle piante infestanti. I loro strumenti innovativi per identificare e selezionare composti sicuri e sostenibili completano la nostra strategia basata sulla progettazione nella scoperta della protezione delle colture e accelereranno lo sviluppo di nuovi prodotti di cui gli agricoltori hanno bisogno per affrontare le sfide future dell’agricoltura”.

Verso la creazione di nuove molecole

“La combinazione delle capacità leader di Bayer e della comprovata pipeline per la protezione delle colture con la mentalità flessibile di startup di Targenomix, la profonda tecnologia multi-omics e l’esperienza nella biologia dei sistemi ci consentirà di continuare insieme a fornire nuove modalità di azione”, ha affermato Sebastian Klie, Ceo di Targenomix. “Questa nuova fase della nostra relazione complementare accelererà la scoperta della prossima generazione di molecole sostenibili e sicure”.

Una lunga collaborazione

Bayer e Targenomix collaborano dal 2014, con la scoperta e lo sviluppo della prima nuova modalità d’azione dell’erbicida post-emergenza (Moa) del settore per il controllo delle infestanti in 30 anni supportata dalla collaborazione. Questa molecola ha dimostrato un controllo efficace delle principali erbe resistenti nella ricerca e dovrebbe essere commercializzata verso la fine di questo decennio.

Tag: Bayer / max planck insitute for molecular plant physiology / targenomics /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE