Da Efsa misure per ridurre i batteri resistenti durante il trasporto di animali

Efsa batteri resistenti trasporto di animali
Pubblicato il: 25 Ottobre 2022|

Ridurre al minimo la durata dei trasporti, pulire accuratamente i veicoli, le attrezzature e gli spazi in cui gli animali vengono caricati e scaricati, il tutto con un’adeguata organizzazione. Sono alcune delle raccomandazioni dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) per ridurre il rischio di diffusione di resistenza agli antibiotici tra pollame, suini e bovini durante i trasferimenti tra allevamenti o ai mattatoi.  Il parere è stato richiesto all’Efsa dalla commissione Ambiente dell’Europarlamento.

La lotta all’antimicrobicoresistenza

“Nonostante i dati disponibili evidenzino una riduzione del consumo di antibiotici negli ultimi anni, la resistenza agli antimicrobici rimane un’emergenza di salute pubblica che deve essere affrontata a livello mondiale e in tutti i settori”, ha dichiarato Frank Verdonck, responsabile dell’unità Efsa Rischi biologici e salute e benessere degli animali. “Individuando i principali fattori di rischio, le misure di attenuazione e le esigenze di ricerca in relazione al trasporto di animali, la valutazione dell’Efsa segna un altro passo avanti nella lotta alla resistenza agli antimicrobici in base al principio di salute unica globale One Health, che integra la valutazione del rischio per l’animale e quello per l’uomo”.

I fattori di rischio

Efsa sottolinea che vanno adottate tutte le misure che migliorino la salute e il benessere degli animali immediatamente prima e durante il trasferimento. Secondo il parere infatti la presenza di batteri resistenti negli animali prima del trasporto è uno dei principali fattori di rischio. Altri sono il rilascio di batteri resistenti attraverso le feci, l’esposizione ad altri animali portatori di più o diversi tipi di batteri resistenti, la scarsa igiene dei veicoli e delle attrezzature, la durata degli spostamenti. L’Autorità Ue rimarca però che mancano studi scientifici specifici sul tema e fornisce alcuni orientamenti per la ricerca in futuro.

L’importanza dell’organizzazione

Il parere sottolinea poi quanto sia essenziale un’adeguata organizzazione dei trasporti. Inoltre è molto probabile che qualsiasi misura che migliori la salute, il benessere e la biosicurezza degli animali immediatamente prima e durante il trasporto riduca il rischio di trasmissione di antimicrobicoresistenza. Le risultanze del parere vanno a integrare le indicazioni dell’Efsa recentemente pubblicate nell’insieme di raccomandazioni per migliorare il benessere degli animali durante il trasporto.

Tag: antibioticoresistenza / antimicrobicoresistenza / autorita europea per la sicurezza alimentare / batteri resistenti / efsa / trasporto animali /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
organi su chip medicina personalizzata

Organi su chip: la medicina personalizzata si può fare anche così

Una tecnologia che potrebbe far risparmiare fino a cinque anni di tempo e fino al 20% del costo totale di sviluppo di un farmaco (in miliardi di euro) più solide conoscenze su cui basare le delicate fasi iniziali della sperimentazione e al contempo essere strumento per una medicina sempre più personalizzata

RUBRICHE
FORMAZIONE