Efsa-Ecdc-Ema, calato l’uso degli antibiotici in Europa tra il 2016 e i 2018 negli allevamenti

Pubblicato il: 30 Giugno 2021|

L’uso di antibiotici, tra il 2016 e il 2018, è diminuito ed è ora inferiore negli animali da produzione alimentare rispetto all’uomo, afferma l’ultimo rapporto pubblicato dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), dall’Agenzia europea per i medicinali (Ema) e dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc).

Le misure di contrasto stanno funzionando

Il calo significativo dell’uso di antibiotici negli animali destinati alla produzione alimentare suggerisce che le misure adottate a livello nazionale per ridurne l’uso si stanno dimostrando efficaci. L’uso di una classe di antibiotici chiamati polimixine, che include la colistina, è quasi dimezzato tra il 2016 e il 2018 negli animali da produzione alimentare. Si tratta di uno sviluppo positivo, poiché le polimixine vengono utilizzate anche negli ospedali per curare i pazienti infettati da batteri multiresistenti.
Il quadro nell’Ue è vario: la situazione varia notevolmente in base al Paese e alla classe di antibiotici. Ad esempio, le aminopenicilline, le cefalosporine di 3a e 4a generazione e i chinoloni (fluorochinoloni e altri chinoloni) sono usati più nell’uomo che negli animali da produzione alimentare, mentre le polimixine (colistina) e le tetracicline sono usate più negli animali da produzione alimentare che nell’uomo .

Il legame tra uso di antibiotici e resistenza batterica

Il rapporto mostra che l’uso di carbapenemi, cefalosporine di terza e quarta generazione e chinoloni nell’uomo è associato alla resistenza a questi antibiotici nelle infezioni da Escherichia coli nell’uomo. Associazioni simili sono state trovate per gli animali da produzione alimentare. Il rapporto identifica anche i collegamenti tra il consumo di antimicrobici negli animali e la resistenza antimicrobica nei batteri degli animali da produzione alimentare, che a sua volta è associata alla resistenza antimicrobica nei batteri dell’uomo. Un esempio di questo è Campylobacter spp. batteri, che si trova negli animali da produzione alimentare e causa infezioni di origine alimentare negli esseri umani. Gli esperti hanno trovato un’associazione tra la resistenza in questi batteri negli animali e la resistenza negli stessi batteri negli esseri umani.

Tag: antibioticoresistenza / ecdc / efsa / Ema /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
plasma

La via italiana al plasma, sognando l’autosufficienza

Il ddl Concorrenza introduce nuove regole per la produzione dei farmaci e ribadisce il principio della donazione gratuita alla base del nostro sistema trasfusionale. Ma la raccolta va potenziata per limitare la dipendenza dal mercato estero. Dal numero 199 del magazine

RUBRICHE
FORMAZIONE