Sicurezza alimentare, torna la campagna #EUChooseSafeFood promossa dall’Efsa

sicurezza alimentare
Pubblicato il: 8 Giugno 2022|

Qual è la differenza tra la dicitura “da consumarsi entro” e “preferibilmente entro”? Che rapporto c’è tra benessere animale e sicurezza alimentare? Quali regole seguire in casa per cibi sicuri? E ancora: dobbiamo preoccuparci degli additivi negli alimenti?  Rispondere a quesiti come questi è l’obiettivo della seconda edizione della campagna #EUChooseSafeFood, promossa dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), rivolta ai cittadini europei e realizzata in collaborazione con il ministero della Salute. L’iniziativa è stata presentata nel corso di una conferenza stampa il 7 giugno, in concomitanza con la Giornata mondiale della sicurezza alimentare.

Gli obiettivi della campagna

L’obiettivo della campagna è incoraggiare a compiere nel quotidiano scelte alimentari sicure e consapevoli, evidenziando il ruolo fondamentale della scienza e le direttive formulate dagli esperti dell’Efsa. L’edizione 2022 amplia la gamma di argomenti approfonditi, che per quanto concerne la campagna in Italia riguardano: benessere degli animali, food packaging (Moca) e integratori alimentari.

“La nostra campagna #EUChooseSafeFood quest’anno cresce sia in termini di contenuti che di copertura geografica, con l’aggiunta di nuovi Paesi Ue”, spiega Alberto Spagnolli, senior policy advisor dell’Efsa. “L’obiettivo rimane quello di permettere ai consumatori di migliorare conoscenze e consapevolezza rispetto alle valutazioni scientifiche, che guidano le scelte alimentari quotidiane. La campagna punta a coinvolgere il pubblico con uno stile comunicativo diretto e con formati innovativi, aiutandolo a sviluppare un occhio critico su abitudini di acquisto e di consumo. Il sistema di sicurezza alimentare europeo – ricorda Spagnolli – è stato creato 20 anni fa e da allora gli scienziati dell’Efsa, in stretta collaborazione con esperti nazionali di tutta Europa, conducono analisi sui rischi per la salute lungo tutta la catena alimentare, dal campo alla tavola. L’intensa cooperazione fra autorità, esperti, istituti ed operatori sia pubblici che privati è il valore fondante del sistema ed è la chiave per sviluppare nuove conoscenze che favoriscano la necessaria transizione verso sistemi alimentari che, oltre a garantire la salute del consumatore, siano anche sostenibili per l’ambiente. I cittadini italiani ed europei sono sempre più interessati e coinvolti in queste tematiche e la campagna #EUChooseSafeFood si propone di rispondere alle loro domande e fornire informazioni chiare e contestualizzate”.

La campagna durerà fino a ottobre e si rivolge in particolare alla popolazione tra i 25 e i 45 anni, alle donne e ai giovani genitori. Hub della comunicazione è il sito web disponibile nelle varie lingue, da cui è possibile scaricare il toolkit #EUChooseSafeFood che include immagini, brevi video e contenuti per post sui social media, ideati per un ampio coinvolgimento anche di associazioni e stakeholder del settore. Le attività previste per la promozione della campagna includono ufficio stampa, media partnership offline e online, influencer marketing, relazioni pubbliche e partecipazione a eventi.

Sicurezza alimentare e cooperazione

“Il nostro ministero ha accolto con favore il lancio della nuova campagna in Italia. Informare la comunità sull’importanza di un’alimentazione corretta, associata a stili di vita salutari, e sui rischi derivanti dalla catena alimentare è prioritario: permette al consumatore di sentirsi sicuro nel compiere scelte alimentari sane e consapevoli”, commenta il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa. “L’educazione alimentare rappresenta il più significativo contributo in termini di prevenzione. Questa importante iniziativa vuole contribuire ad aumentare la fiducia dei cittadini nel sistema di sicurezza alimentare dell’Ue, garantito dal lavoro svolto dalla rete di esperti dell’Efsa. La campagna rafforza, inoltre, la cooperazione in essere tra ministero e l’Agenzia, le organizzazioni dei consumatori, i produttori e la società civile, aiutando i consumatori a fidarsi degli alimenti che mangiano, ovunque si trovino in Europa. Per salvaguardare il settore agroalimentare da crisi ricorrenti e garantire la sicurezza degli alimenti ai consumatori – sottolinea il sottosegretario – l’Italia nel contesto dell’Unione Europea ha fortemente perseguito un approccio normativo e attuativo basato sull’evidenza scientifica e sulla trasparenza delle valutazioni del rischio nella catena alimentare. La strategia comunitaria è quindi improntata a garantire che gli alimenti siano ‘from farm to fork’ prevedendo, in tutti gli step della filiera, azioni integrate, anche in ambito ricerca e sviluppo. La questione della sicurezza alimentare e la definizione di standard di sicurezza internazionali – conclude Costa – sono un obiettivo che dobbiamo perseguire costantemente come singolo Paese e, più in generale, in chiave di sicurezza globale, secondo l’approccio One Health”.

La prima edizione della campagna, nel 2021, ha vinto il premio italiano delle relazioni pubbliche “The PRize”, organizzato da Una (Aziende della Comunicazione Unite), nella categoria Pubblica Amministrazione.

Tag: autorità europea sicurezza alimentare / efsa /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
plasma

La via italiana al plasma, sognando l’autosufficienza

Il ddl Concorrenza introduce nuove regole per la produzione dei farmaci e ribadisce il principio della donazione gratuita alla base del nostro sistema trasfusionale. Ma la raccolta va potenziata per limitare la dipendenza dal mercato estero. Dal numero 199 del magazine

RUBRICHE
FORMAZIONE