Il Sole 24 Ore


Expo/1. B2B al via


pNon solo agroalimentare: certo, il tema dell’Esposizione universale è quello del cibo e del nutrimento, ma l’Expo di Milano si sta dimostrando una occasione di vetrina internazionale per molti altri settori industriali italiani. Lo conferma l’iniziativa organizzata oggi da Promos­Camera di Commercio di Milano – in collaborazione con Regione e Unioncamere Lombardia – che prevede nella sola giornata odierna circa 150 incontri B2B tra imprese lombarde e buyer internazionali, tutti operanti nel settore medicale. Tra i Paesi coinvolti Russia, Emirati arabi, Turchia, Polonia e India. Lo scambio commerciale delle aziende lombarde del comparto è sceso nel 2014 a 13 miliardi, in calo rispetto all’anno precedente, anche se si segnala il rafforzamento dell’export verso l’Asia, con un aumento di vendite verso la Cina dell’84% e del 30% verso il Giappone. Le esportazioni valgono oltre 4,5 miliardi e di queste quasi il 60% è realizzato dalle imprese milanesi, che hanno esportato materiali medicali per 2,6 miliardi lo scorso anno, con una crescita del 3,3%. Pavia ha registrato invece un crollo del 20% nelle esportazioni, ma vanta comunque il secondo posto nella classifica, con 997 milioni di export, seguita da Monza Brianza (496 milioni) e Varese (134 milioni). Tra i Paesi che acquistano prodotti medicali made in Lombardia, al primo posto si conferma la Germania, nonostante il calo del 14,2% rispetto al 2013, seguita dal Giappone che, con un balzo del 30%, raggiunge nel 2014 i 481 milioni.