Alleanza tra Uk Biobank, Gsk e Regeneron per il sequenziamento genetico: sotto la lente i dati di 500mila volontari

Pubblicato il: 23 Marzo 2017|

Studiare i geni di mezzo milione di volontari per ricavarne informazioni preziose, utili allo sviluppo di nuovi medicinali e alla diagnosi di gravi malattie. È l’obiettivo di un ambizioso progetto di ricerca annunciato da Uk Biobank,  Gsk e il Regeneron Genetics Center (Rgc) di New York.

Uk Biobank è la banca dati sanitaria più completa del mondo. Da 10 anni rileva informazioni e campioni dai suoi 500mila partecipanti, e garantisce che i dati forniti ai ricercatori sanitari non permettano di identificarli. Rgc e Gsk si sono impegnate con un investimento iniziale per permettere il sequenziamento dei primi 50mila campioni, da completare prima della fine del 2017.

Il sequenziamento dei campioni di Uk Biobank si svolgerà al Rgc di New York , uno dei centri di sequenziamento di genetica umana più grandi del mondo. Coerentemente ai principi fondanti di Uk Biobank, i dati della sequenza saranno incorporati nuovamente nel suo database dopo un periodo standard di esclusività per Gsk e Regeneron (9 mesi per la fase iniziale) e resi disponibili alla comunità scientifica. Il sequenziamento di tutti e 500mila campioni potrà richiedere da tre a cinque anni di lavoro e investimenti complessivi per 150 milioni di dollari.

Tag: Gsk / Regeneron /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE