Bristol-Myers Squibb, pipeline in salute e azioni alle stelle

Farmaè
Pubblicato il: 29 Ottobre 2013|

Corrono le azioni del colosso biofarmaceutico Bristol-Myers Squibb, in rialzo del 6,66% nella giornata di lunedì, trainate dai dati positivi registrati sull’anticorpo monoclonale sperimentale nivolumab (potenziale trattamento del tumore al polmone) e su un altro anticorpo monoclonale, in Fase IIb di sperimentazione per il trattamento dell’artrite reumatoide, clazakizumab.

 

L’ottima performance – sostenuta anche dal buon andamento di tre prodotti di punta della pipeline, Yervoy (ipilimumab), Orencia (abatacept) e Sprycel (dasatinib) – ha procurato anche un rialzo del rating di BMS da parte della banca d’affari Morgan Stanley: da equal-weight a overweight.

 

I buoni risultati su nivolumab, presentati lo scorso giugno alla 49esima edizione del Congresso Annuale dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO), sono stati di recente confermati dai dati di sopravvivenza globale e dal tasso di risposta positivo dei pazienti sottoposti al trattamento con l’antitumorale. Buone prospettive future anche per l’anti artrite reumatoide clazakizumab, i cui dati relativi allo studio di Fase IIb sono stati presentati al meeting annuale dell’American College of Rheumatology, dimostrandone la pari efficacia rispetto ad adalimumab (Humira) di AbbVie.

 

Per clazakizumab, di cui Bristol-Myers Squibb ha ottenuto  i diritti esclusivi di vendita in seguito ad un accordo con Alder Biopharmaceuticals, l’azienda sta valutando l’avanzamento della terapia sottocutanea in Fase III.

 

 

 

Tag: azioni / Borsa / Bristol-Myers Squibb / Morgan Stanley / nivolumab / pipeline /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
RUBRICHE
FORMAZIONE