Ci serve davvero un’industria farmaceutica nazionale di qualità?

Pubblicato il: 20 Giugno 2014|

“Le necessità su cui intervenire per mantenere competitivo il settore farmaceutico sono ormai chiare: servono investimenti su ricerca e sviluppo, certezza dei tempi sulle regole che governano la manifattura, autorizzazioni in tempi ragionevoli, tempi di approvazione degli studi clinici competitivi con l’estero”. È questa la sintesi di Maurizio Castorina, Ceo di Zambon SpA, al termine del forum “Future by Quality”  organizzato dalla Fondazione Zoé, Zambon Open Education, in collaborazione con ATKearney, sul tema: “Ci serve davvero un’industria farmaceutica nazionale di qualità?”.

 

Quaranta esperti del mondo dell’Industria, dell’Università e della Ricerca, rappresentanti delle istituzioni e della politica si sono interrogati sul ruolo del settore farmaceutico nel panorama manifatturiero italiano, come asset strategico per incrementare l’innovazione, l’occupazione e lo sviluppo.

 

“L’industria farmaceutica di qualità – ha spiegato in apertura di lavori il Viceministro allo Sviluppo Economico, Claudio De Vincenti – deve poter aggredire i mercati emergenti, e allo stesso tempo non va dimenticato che nel mercato interno il Governo ha dato stabilità, rompendo il nesso tra spendig review e tagli orizzontali alla spesa farmaceutica. Gli strumenti su cui agire sono: una corretta metodologia Aifa di determinazione del prezzo dei farmaci: né ingiustificatamente bassi né con sovrarendite; per la Ricerca e Sviluppo il ricorso agli accordi di programma tra MISE e imprese su obiettivi concordati; l’accesso al credito d’imposta e ai programmi comunitari come Horizon 2020”.

 

Parole che hanno risposto alle sollecitazioni di Elena Zambon, Presidente della Fondazione Zoé che è stata la promotrice dell’incontro: “Emerge chiara la necessità di una strategia definitiva – ha commentato – e di creare un sistema Paese con una condivisione di percorso che non può essere lasciato al mero spirito imprenditoriale. Soprattutto in un settore con una responsabilità enorme che si chiama ‘salute delle persone’”.

 

Tra i partecipanti al “Future by Quality” 2014, che si replicherà a giugno del prossimo anno sui temi della Ricerca, e a giugno 2016 sulla produzione, il presidente della Commissione Industria del Senato, Massimo Mucchetti, il Presidente di Aifa, Sergio Pecorelli, il Direttore Generale di Farmindustria, Enrica Giorgetti, e quello di Telethon, Francesca Pasinelli.

Tag: Maurizio Castorina / Zambon /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
Dna

Così il sequenziamento del Dna migliorerà la medicina di precisione

La tecnologia ha permesso di decifrare anche gli ultimi “libri” del genoma umano. Un punto di partenza per perfezionare ulteriormente personalizzazione di diagnosi e cure come spiega Giuseppe Novelli, professore di Genetica Medica dell’Università di Roma “Tor Vergata”

RUBRICHE
FORMAZIONE