Dialisi hi-tech, Baxter riceve il premio Smau per l’innovazione

dialisi hi-tech
Pubblicato il: 14 Giugno 2018|

Un sistema per la dialisi peritoneale automatizzata (HomeChoice Claria), basato su una piattaforma cloud, che semplifica il trattamento e permette al paziente di comunicare con lo staff clinico del centro dialisi. È la novità che ha consentito a Baxter di ottenere il premio per l’innovazione nell’ambito di Smau 2018, l’evento di riferimento nel campo dell’innovazione digitale per imprese ed enti locali che si è svolto a Bologna nei giorni scorsi. Lo annuncia l’azienda in una nota.

Come funziona

Attraverso una piattaforma di connettività su cloud basata su tecnologia Sharesource – spiega Baxter – un modem cellulare mette in comunicazione il paziente a domicilio con il centro dialisi, offrendo una completa e sicura trasmissione automatica delle informazioni sul trattamento eseguito la possibilità per il medico di variare il programma terapeutico da remoto.

Sharesource è accessibile da qualsiasi connessione internet e permette allo staff clinico di monitorare l’evoluzione del trattamento, riscontrare tempestivamente eventuali problematiche, migliorando potenzialmente l‘aderenza del paziente alla terapia. In questo modo, il centro dialisi può meglio identificare e gestire i pazienti più critici, ottiene un efficientamento delle procedure e una riduzione dei costi sanitari.

Ad oggi in Italia – sottolinea l’azienda – sono oltre 900 i pazienti in trattamento con questo innovativo sistema (il 30% del totale dei pazienti in dialisi peritoneale automatizzata in Italia) e più di 130 i centri dialisi che lo utilizzano (pari al 55% dei centri italiani). Smau ha inserito l’esperienza Baxter nella lista dei casi di successo, consultabile sul sito dell’evento.

Tag: Baxter / dialisi /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
RUBRICHE
FORMAZIONE