DiaSorin conclude il collocamento di un prestito obbligazionario da 500 milioni (ma in borsa il titolo continua a scendere)

Pubblicato il: 28 Aprile 2021|

DiaSorin annuncia di aver conlcuso con successo il collocamento di un prestito obbligazionario senior da 500 milioni di euro con scadenza 2028. I proventi netti del collocamento saranno utilizzati per finanziare in parte l’acquisizione di Luminex annunciata l’11 aprile 2021 e per finalità aziendali generali.
“Siamo molto orgogliosi di aver concluso con successo questa operazione che costituisce un passo importante per l’acquisizione di Luminex. Riteniamo che attraverso tale acquisizione si creerà una combinazione unica di specialisti in grado di generare valore per tutti gli stakeholder, tra i quali gli azionisti, i laboratori, i clienti e i pazienti”, ha commentato Carlo Rosa, Ceo del Gruppo DiaSorin. “La struttura finanziaria complessiva definita risulta estremamente interessante e competitiva e riflette il continuo riconoscimento della nostra strategia da parte della comunità finanziaria, valorizzando la nostra capacità di creare una crescita credibile e sostenibile nel medio-lungo termine”.

Risultati del primo trimestre 2021

Il Consiglio di amministrazione di DiaSorin ha inoltre analizzato i principali risultati economici e finanziari, non soggetti a revisione contabile, per il trimestre chiuso al 31 marzo 2021. Dai quali emerge quanto segue.

  • ricavi: circa 267 milioni di euro, pari a circa +53% rispetto al primo trimestre 2020. La crescita è stata guidata dal recupero del business ex-COVID e dalle vendite dei test per il Sars-CoV-2.
  • Ebidta rettificato: circa 130 milioni milioni di euro, pari a circa +101% rispetto al primo trimestre 2020. Il risultato è conseguenza della crescita delle vendite nel trimestre, della leva operativa generata dagli importanti volumi dei test per il SARS-CoV-2 e del contenimento delle spese operative.
  • Posizione finanziaria netta consolidata: positiva al 31 marzo 2021 per circa € 394 milioni, in aumento di circa 88 milioni rispetto al saldo al 31 dicembre 2020.

Crollo in borsa

Tuttavia né la trimestrale sopra le aspettative, né l’annuncio di un prestito convertibile hanno frenato il calo in borsa che sta interessando il titolo del gruppo di Valduggia da qualche settimana. Come riporta il Sole24Ore, infatti, dal 20 aprile le quotazioni sono arretrate complessivamente del 9%, colpite soprattutto dal netto calo di martedì 27 aprile legato all’aspettativa della domanda di test anti-covid segnalato dall’azienda francese Biomerieux.

Tag: Borsa / DiaSorin / finanza /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
RUBRICHE
FORMAZIONE