Essere green non basta: l’approccio alla sostenibilità secondo Ucb

sostenibilità Ucb
Pubblicato il: 12 Maggio 2022|

Il settore farmaceutico spinge sull’acceleratore del valore sostenibile. È questo, in estrema sintesi, il tema attorno al quale si è svolto l’incontro organizzato giovedì 12 maggio a Roma dall’Ambasciata del Regno del Belgio dal titolo: “Ucb Pharma: l’impegno per la sostenibilità. L’approccio di valore nel Life Science: la nuova Ricerca Luiss Business School”, cui hanno preso parte rappresentanti istituzionali e privati, per stimolare il dialogo e il confronto sui temi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e far nascere nuove idee e soluzioni per la sostenibilità del Paese.

L’approccio di Ucb

L’integrazione delle pratiche di sostenibilità nella strategia aziendale complessiva consente, secondo l’innovativo approccio olistico proposto da Ucb, la creazione di un valore realmente sostenibile, non solo per l’azienda e i suoi collaboratori, ma anche per i pazienti, la società e per il pianeta. Essere solo green, quindi, non basta più. È necessario valorizzare l’impatto sociale dell’attività delle imprese, la loro governance, i criteri degli investimenti, il modello di crescita, il supporto di progetti capaci di creare valore economico e sociale. L’incontro, promosso da Ucb Pharma, azienda biofarmaceutica belga con sede italiana a Milano, è stato l’occasione, da un lato, per presentare l’approccio innovativo di Ucb Pharma alla sostenibilità in un settore chiave come il Life Science e, dall’altro, per descrivere l’impegno del comparto farmaceutico per il raggiungimento degli obiettivi (i Sustainable development goals) dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, attraverso la presentazione dei risultati dell’indagine condotta dalla Luiss Business School intitolata “L’Approccio sostenibile nel Life Science”.

Indagine sulla sostenibilità

Ucb, infatti, puntando su un approccio data driven, ha incaricato la Luiss Business School di raccogliere in questo lavoro alcuni progetti di sostenibilità rilevanti realizzati a livello internazionale ed in Italia nel settore, in modo da misurarne l’impatto. “È emerso un diffuso impegno nella riduzione di emissioni, consumo energetico e acqua, e in generale dell’impatto ambientale, in particolare per quelle aziende (il 50% di quelle intervistate) che gestiscono siti produttivi nel nostro Paese – ha affermato Matteo Caroli, Associate Dean for Internationalization e Direttore BU Applied Research e Osservatori, Luiss Business School. Le principali altre aree evidenziate dallo studio sono poi: ricerca e sviluppo, la collaborazione con altri attori per favorire l’accesso alle cure, la realizzazione di campagne di advocacy, l’impegno a garantire trasparenza e il supporto delle comunità locali attraverso attività di volontariato e donazioni di medicinali”.

I cinque pilastri del valore

“Ucb Pharma promuove con convinzione un’innovazione sostenibile e continua” – ha dichiarato Federico Chinni, amministratore delegato di Ucb Pharma Italia. “Nel 2021 ha investito in Ricerca e Sviluppo circa il 28% del proprio fatturato, grazie ai suoi tre centri di ricerca all’avanguardia e a una strategia di acquisizioni mirate, volte a estendere le capacità innovative dell’azienda in aree terapeutiche in cui già opera oltre che, in prospettiva, nel campo della terapia genica. Questo costante investimento in ricerca e innovazione è orientato alla creazione di valore sostenibile secondo un approccio olistico che si declina su cinque ‘pilastri’: Pazienti, Persone, Economia, Comunità e Pianeta”.

  1. Per quanto riguarda i pazienti, l’azienda contribuisce alle sfide sanitarie attraverso soluzioni terapeutiche innovative che aiutano i pazienti a raggiungere i propri obiettivi di vita. A tal fine, a livello mondiale, nel 2021 Ucb ha investito il 28% del suo fatturato complessivo in ricerca e sviluppo. Altrettanto fondamentale risulta poi che i pazienti abbiano accesso ai trattamenti, affinché i percorsi di cura siano efficaci e il sistema sanitario sostenibile. Accessibilità significa anche gestione ottimale del paziente e della sua patologia, per esempio attraverso gli strumenti messi a disposizione dall’e-health.”
  2. Per  le persone, il capitale umano rappresenta un valore fondamentale per Ucb e per questo l’azienda investe costantemente e dedica particolare attenzione alla formazione e allo sviluppo dei propri collaboratori, promuovendo un ambiente di lavoro stimolante e in grado di garantire loro benessere fisico, mentale e sociale”.
  3. Nell’ambito dell’economia, l’impegno quotidiano di Ucb le consente di continuare a crescere, garantendo la propria sostenibilità economica e generando benefici anche per i propri partner e per la società, rappresentando un motore di sviluppo per il sistema Paese e per tutte le imprese con cui si trova a collaborare.
  4. Sul versante delle comunità in cui opera, Ucb promuove un approccio multidisciplinare che coinvolga tutti gli attori dell’ecosistema salute (clinici specialisti, associazioni di persone con malattia e di cittadini, decisori e Istituzioni) e sia orientato alla comune missione di creare valore per le persone affette da patologie croniche.
  5. Infine, il quinto pilastro su cui si fonda la sostenibilità per Ucb Pharma è proprio il Pianeta, attraverso la garanzia della sostenibilità ambientale lungo tutto il processo produttivo e distributivo, fino ad arrivare alla gestione degli uffici e degli acquisti.

Tag: Luiss Business School / UCB /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE