Farmaci, Bristol-Myers Squibb acquisirà MyoKardia per 13,1 miliardi di dollari

Bristol-Meyers Squibb
Pubblicato il: 5 Ottobre 2020|

Bristol-Myers Squibb acquisirà MyoKardia, azienda biofarmaceutica che sviluppa terapie mirate per il trattamento di malattie cardiovascolari gravi, per 13,1 miliardi di dollari Ad annunciarlo sono le due società, tramite una nota congiunta in cui si specifica che Bms sborserà 225 dollari per ogni azione in contanti.  L’accordo è stato approvato all’unanimità dai rispettivi consigli di amministrazione. Il closing dell’operazione dovrebbe avvenire nell’ultimo trimestre di quest’anno.

MioKardia, cosa fa

MyoKardia è un’azienda biofarmaceutica che sviluppa terapie mirate per il trattamento di malattie cardiovascolari gravi. Grazie a questa operazione, Bristol Myers Squibb potrà d’ora in avanti disporre del mavacamten, un farmaco per il trattamento della cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva (Hcm).

Gli obiettivi di Bms

“L’acquisizione di MyoKardia rafforza ulteriormente il nostro portafoglio, la pipeline e le capacità scientifiche e si prevede che aggiungerà un significativo motore di crescita a medio e lungo termine”, ha affermato Giovanni Caforio, amministratore delegato di Bms.

Crescere nel cardiovascolare

“Il nostro obiettivo è arricchire l’offerta nel settore cardiovascolare, grazie all’aggiunta di mavacamten, un farmaco promettente con il potenziale per affrontare una significativa esigenza medica insoddisfatta nei pazienti con malattie cardiovascolari. Le nostre aziende condividono una visione audace per l’innovazione e la scienza. Abbiamo da tempo attenzionato MyoKardia e ciò che hanno fatto per rivoluzionare i trattamenti cardiovascolari attraverso un approccio di medicina di precisione. Non vediamo l’ora di accogliere il loro team nella nostra azienda”.

Tag: aziende / BMS / fusioni e acquisizioni /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
Chirurgia robotica

Più applicazioni e mercato, ma i robot chirurgici sono ancora un lusso

Nonostante cresca il numero degli interventi eseguiti Italia, secondo gli esperti c’è un problema di “robot divide”, legato soprattutto al prezzo e alla manutenzione dei macchinari. La ricerca intanto fa passi da gigante. Mentre in mezzo al dominio dei grandi produttori, spunta un’eccellenza italiana

RUBRICHE
FORMAZIONE

Farmaci, Bristol-Myers Squibb acquisirà MyoKardia per 13,1 miliardi di dollari

Bristol-Meyers Squibb
Pubblicato il: 5 Ottobre 2020|

Bristol-Myers Squibb acquisirà MyoKardia, azienda biofarmaceutica che sviluppa terapie mirate per il trattamento di malattie cardiovascolari gravi, per 13,1 miliardi di dollari Ad annunciarlo sono le due società, tramite una nota congiunta in cui si specifica che Bms sborserà 225 dollari per ogni azione in contanti.  L’accordo è stato approvato all’unanimità dai rispettivi consigli di amministrazione. Il closing dell’operazione dovrebbe avvenire nell’ultimo trimestre di quest’anno.

MioKardia, cosa fa

MyoKardia è un’azienda biofarmaceutica che sviluppa terapie mirate per il trattamento di malattie cardiovascolari gravi. Grazie a questa operazione, Bristol Myers Squibb potrà d’ora in avanti disporre del mavacamten, un farmaco per il trattamento della cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva (Hcm).

Gli obiettivi di Bms

“L’acquisizione di MyoKardia rafforza ulteriormente il nostro portafoglio, la pipeline e le capacità scientifiche e si prevede che aggiungerà un significativo motore di crescita a medio e lungo termine”, ha affermato Giovanni Caforio, amministratore delegato di Bms.

Crescere nel cardiovascolare

“Il nostro obiettivo è arricchire l’offerta nel settore cardiovascolare, grazie all’aggiunta di mavacamten, un farmaco promettente con il potenziale per affrontare una significativa esigenza medica insoddisfatta nei pazienti con malattie cardiovascolari. Le nostre aziende condividono una visione audace per l’innovazione e la scienza. Abbiamo da tempo attenzionato MyoKardia e ciò che hanno fatto per rivoluzionare i trattamenti cardiovascolari attraverso un approccio di medicina di precisione. Non vediamo l’ora di accogliere il loro team nella nostra azienda”.

Tag: aziende / BMS / fusioni e acquisizioni /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
Chirurgia robotica

Più applicazioni e mercato, ma i robot chirurgici sono ancora un lusso

Nonostante cresca il numero degli interventi eseguiti Italia, secondo gli esperti c’è un problema di “robot divide”, legato soprattutto al prezzo e alla manutenzione dei macchinari. La ricerca intanto fa passi da gigante. Mentre in mezzo al dominio dei grandi produttori, spunta un’eccellenza italiana

RUBRICHE
FORMAZIONE

Titolo

Torna in cima