Farmaci generici, crescita lenta per il mercato italiano

Pubblicato il: 18 Giugno 2021|

Timida crescita pe il mercato italiano dei farmaci generici. In farmacia, nel 2020, i consumi sono cresciuti dello 0,3% rispetto all’anno precedente, rappresentando il 22,46% del totale delle confezioni. In termini di valore (1,5 miliardi di euro), la crescita è dello 0,4%, per una quota del 14,5 per cento.  È quanto emerge dal nuovo rapporto annuale di Egualia, l’associazione delle impese di farmaci generici e biosimilari.

Confezioni e valore

L’89% delle confezioni vendute è classificato in classe A, totalmente rimborsabile dal Ssn. Su un totale di 1,7 miliardi di confezioni di farmaci venduti in farmacia i generici-equivalenti rappresentano il 19,9% delle vendite in classe A, il 2,3% in classe C e appena lo 0,3% nell’area dell’automedicazione. A valori, l’82% del giro d’affari del comparto si concentra in classe A (16% in classe C; 2% nell’area dell’automedicazione).

Il peso sul mercato

Sul totale del mercato farmaceutico, i generici-equivalenti valgono il 22,46%, quasi alla pari con i farmaci “griffati” ora a brevetto scaduto (24,38%). I farmaci esclusivi (protetti o senza generico corrispondente) assorbono invece l’altro 53,16% del mercato complessivo. Per quanto riguarda invece il segmento complessivo dei farmaci fuori brevetto (generici ed ex branded), i generici-equivalenti ne assorbono il 30% contro il 70% detenuto dai brand a brevetto scaduto.

Sul territorio

Si conferma anche nel 2020 una variabilità regionale nei consumi di farmaci equivalenti.  Prevale il Nord: 37,9% a unità e 29,7% a valori. Segue il Centro: 27,5% a unità e 22,6% a valori. Chiude il Sud: 22,7% a unità e 18,7% a valori.

La scelta dei cittadini

Un altro dato trova conferma, anno dopo anno: nel 2020 i cittadini hanno versato di tasca propria 1.051 milioni di euro per coprire la differenza tra il farmaco di marca off patent e il generico-equivalente interamente rimborsato dalla sanità pubblica. In questo caso, l’incidenza maggiore a livello regionale si registra in Molise (15,8% della spesa regionale Ssn nel canale retail) e nel Lazio (15,7%). Quella più bassa si registra in Lombardia (10,6%).

In ospedale

In ospedale, i generici-equivalenti assorbono nel 2020 il 30% del mercato a volumi (+0,2% rispetto al 2019). I farmaci esclusivi – sotto brevetto o privi di generico corrispondente  – valgono invece il 33,1% del mercato in corsia.  Il mercato ospedaliero a brevetto scaduto a valori è assorbito per il 71% dai brand a brevetto scaduto e per il 29% dai generici-equivalenti.
IL REPORT
Leggi anche: Biosimilari, nel 2020 consumi in crescita del 10,4%

Tag:

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
plasma

La via italiana al plasma, sognando l’autosufficienza

Il ddl Concorrenza introduce nuove regole per la produzione dei farmaci e ribadisce il principio della donazione gratuita alla base del nostro sistema trasfusionale. Ma la raccolta va potenziata per limitare la dipendenza dal mercato estero. Dal numero 199 del magazine

RUBRICHE
FORMAZIONE