Hiv, via libera Ue alla prima terapia combinata a compressa singola con darunavir

Hiv, via libera Ue alla prima terapia combinata a compressa singola con darunavir
Pubblicato il: 26 Settembre 2017|

Arriva in Europa la prima terapia combinata a compressa singola a base di darunavir per il trattamento dell’infezione da virus Hiv-1. La Commissione europea ha approvato l’uso di darunavir/cobicistat/emtricitabina/tenofovir alafenamide fumarato in adulti e adolescenti di almeno 12 anni d’età e peso corporeo di almeno 40 kg. Lo annuncia l’azienda Janssen in una nota.

“La disponibilità di una terapia combinata in compressa singola caratterizzata da un’elevata barriera genetica alle mutazioni da resistenza – spiega Jean-Michel Molina, docente di Malattie Infettive all’Università Paris Diderot –  elimina la necessità di dover assumere compresse separate, semplifica l’assunzione della terapia antiretrovirale e la vita per i pazienti, favorendo una migliore aderenza terapeutica e la soppressione del virus”.

Con il via libera della Commissione Ue, Janssen potrà commercializzare la nuova terapia in tutti i Paesi dello Spazio Economico Europeo. Attualmente Gilead Sciences fornisce cobicistat, emtricitabina e tenofovir alafenamide come parte di un accordo di licenza con Janssen. Nel 2014 le due aziende hanno modificato i loro precedenti accordi per sviluppare e commercializzare un regime terapeutico d’associazione monocompressa (STR), a somministrazione unica giornaliera, a base di darunavir di Janssen in associazione a emtricitabina, cobicistat e tenofovir alafenamide fumarato (TAF) di Gilead.  Gli accordi modificati prevedono che Janssen e le sue affiliate siano responsabili della produzione, della registrazione, della distribuzione e della commercializzazione del regime STR a livello mondiale.

 

Tag: darunavir / Gilead / Hiv / Janssen / terapia / Ue /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
plasma

La via italiana al plasma, sognando l’autosufficienza

Il ddl Concorrenza introduce nuove regole per la produzione dei farmaci e ribadisce il principio della donazione gratuita alla base del nostro sistema trasfusionale. Ma la raccolta va potenziata per limitare la dipendenza dal mercato estero. Dal numero 199 del magazine

RUBRICHE
FORMAZIONE