L’export di prodotti sofisticati o high tech alla base della crescita economica

startup nell'healthcare
Pubblicato il: 18 Marzo 2015|

Cina e India continueranno a crescere raggiungendo i 26 miliardi di dollari nel 2022, Senegal, Kenya, Madagascar, Uganda e Tanzania stanno uscendo dalla paralisi economica, mentre Nigeria e Repubblica Democratica del Congo ci potrebbero finire presto. A prevederlo sono i fisici dell’Istituto dei sistemi complessi del Consiglio nazionale delle ricerche (Isc-Cnr) di Roma, che hanno messo a punto un metodo per prevedere la crescita del Prodotto interno lordo (Pil) di ogni nazione del mondo. A trasformare una nazione povera in una ricca, sarebbe quindi l’arricchimento del proprio export con prodotti complessi, cioè sofisticati o high tech, senza aver ancora incassato i proventi generati. Lo studio, pubblicato sulla rivista Plos ONe, è stato condotto assieme all’Università di Roma La Sapienza, e si intitola “Previsioni in economia: la dinamica eterogenea di economic complexity”.

“I paesi che continueranno a crescere per almeno un altro decennio sono quelli che hanno accumulato un bonus di competitività sul mercato globale che ancora non si è tradotto in un proporzionale aumento di Pil”, sostiene Luciano Pietronero dell’Isc-Cnr che ha coordinato i ricercatori. “Il metodo mostra come alcuni paesi, che secondo visioni economiche più tradizionali si ritiene siano finiti nella paralisi economica, potrebbero invece esserne già fuori e vantare un’economia in crescita. Secondo le nostre previsioni, Cina e India continueranno a crescere stabilmente per almeno altri 10 anni, raggiungendo un Pil totale di 26 trilioni di dollari nel 2022. Nel continente africano, Senegal, Kenya, Madagascar, Uganda e Tanzania potrebbero ripercorrere le orme delle ‘Tigri Asiatiche’, mentre il Sudafrica rischia di essere invischiata nella ‘middle-income trap’ e Nigeria e Repubblica Democratica del Congo potrebbero finire nella ‘poverty trap’”.

Il metodo “selective predictability scheme”, in controtendenza rispetto alle previsioni economiche standard, si basa sul confronto tra il valore monetario di una nazione (Pil pro capite) e la capacità del suo sistema produttivo di innovare e diversificarsi a partire dalle esportazioni globali (Fitness). “L’evoluzione e la competitività tra il 1995 e il 2010, misurate in tal modo, ci permettono di prevedere che le nazioni che cresceranno di più nel prossimo decennio sono quelle che hanno aumentato la loro Fitness prima che il Pil, accedendo così a mercati sempre più esclusivi e remunerativi”, spiegano Matthieu Cristelli e Andrea Tacchella dell’Isc-Cnr, coautori dello studio. “Il loro Pil, prima basso se paragonato alla Fitness, ha così iniziato a crescere e che continuerà a farlo per altri dieci anni”.

Il metodo è particolarmente utile agli investitori per capire che evoluzione economica subiranno i paesi emergenti e per scovare quelli che diventeranno tali nei prossimi anni. “Guardando alla competitività come a una variabile non uni-dimensionale ma a due dimensioni, quella monetaria e quella misurata dalla fitness, si ottengono previsioni e informazioni inaspettate”, concludono i ricercatori. “Emergono dalle previsioni due macro-aree: una zona non caotica detta laminare, dove la Fitness determina la crescita, e una zona con i paesi le cui evoluzioni, a parità di Pil, risultano caotiche e determinate da fattori esogeni incommensurabili come mancanza di politica industriale, guerre civili, disastri naturali o eccessiva dipendenza dall’export di materie prime. L’evoluzione delle economie si evidenzia quindi come un sistema estremamente eterogeneo, anche quando le condizioni iniziali in termini di Pil risultino identiche”.

Tag: Cnr / Export / Pil /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE