Marco Cossolo è il nuovo presidente di Federfarma

Pubblicato il: 30 Maggio 2017|

Marco Cossolo è stato eletto presidente di Federfarma per il triennio 2017-2020. Succede ad Annarosa Racca al vertice della Federazione nazionale titolari di farmacia. Va invece a Silvia Pagliacci la presidenza del Sunifar (Sindacato unitario dei farmacisti rurali), oggi guidato da Alfredo Orlandi.
Cossolo ha raggiunto la maggioranza dei voti dei delegati dell’assemblea nazionale elettiva, espressione delle rappresentanze territoriali, dopo un serrato testa a testa con la presidente uscente: 123 voti contro 113.
Cossolo, nato nel 1965 a Torino, laureato in Farmacia nella sua città nel 1989, dal novembre 2011 era segretario di Federfarma Piemonte. Cossolo è stato membro del Consiglio delle Regioni di Federfarma da maggio 2012, per poi assumerne l’incarico di coordinatore nel luglio 2014.
Il nuovo presidente dirige le società di proprietà di Federfarma Torino per la fornitura alle farmacie di servizi di formazione, informazione, comunicazione, contabilità e controllo di gestione. Nel novembre 2011, in qualità di ad di Farmagruppo, ha gestito la fusione tra Farmaciapiù, Farmacuore e Farmagruppo, creando la cooperativa Farmauniti, che riunisce circa 1.100 farmacie in Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta, della quale viene nominato amministratore delegato.
Da novembre 2013 è anche ad di Unifarma spa, capogruppo di una holding della distribuzione intermedia.

Tag: Annarosa Racca / Federfarma /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE