Novartis acquisisce Advanced Accelerator Applications (AAA)

M&A
Pubblicato il: 31 Ottobre 2017|

Novartis punta a rafforzarsi in oncologia e acquisisce la francese Advanced Accelerator Applications (AAA). È quanto ha annunciato l’azienda in una nota diffusa ieri.

Acquisizione da 3,9 miliardi

Il gruppo farmaceutico svizzero intende acquisire AAA, azienda specializza nei radiofarmaci, con una transazione da 3,9 miliardi di dollari. Novartis offre 41 dollari cash per ogni azione ordinaria di Advanced Accelerator Applications, che è quotata a Wall Street. Con l’operazione, Novartis includerebbe nel suo portfolio Lutathera, il radiofarmaco contro i tumori neuroendocrini gastroenteropancreatici di AAA che ha ottenuto il via libera della Commissione Europea nelle scorse settimane. Negli Stati Uniti la Food and drug administration (Fda) dovrebbe esprimersi sul farmaco a gennaio 2018.

L’azienda francese

Advanced Accelerator Applications è un’azienda piuttosto recente: è stata fondata nel 2002  e la sua sede centrale si trova a Saint-Genis-Pouilly, in Francia. AAA dispone attualmente di 21 strutture di produzione e centri di ricerca e sviluppo che nel lavorano nel campo della medicina nucleare molecolare. E’ presente in 13 Paesi (Francia, Italia, Regno Unito, Germania, Svizzera, Spagna, Polonia, Portogallo, Paesi Bassi, Belgio, Israele, Stati Uniti e Canada) e conta oltre 500 dipendenti. Nel 2016 ha registrato vendite per 109,3 milioni di euro  (+23% sul 2015) e di 69,2 milioni nel primo semestre del 2017 (+27% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente).

Tag: AAA / M&A / novartis /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE