Responsabilità sociale nel settore chimico-farmaceutico: premiate quattro aziende

Pubblicato il: 2 Febbraio 2022|

Sicurezza e salute nei luoghi di lavoro, sostenibilità ambientale e welfare. Per l’impegno su questi versanti della responsabilità sociale sono state premiate quattro aziende del settore chimico-farmaceutico italiano: Biogen Italia, Gruppo Chiesi, Siad e Unifarco. Il riconoscimento viene assegnato dalle Parti sociali firmatarie del contratto nazionale del settore, ovvero Farmindustria, Federchimica e sigle sindacali.  E arriva nella Giornata nazionale sicurezza, salute e ambiente (Ssa), che si celebra il 2 febbraio.  “L’impegno dell’industria chimica e di quella farmaceutica sul fronte della sicurezza è confermato anche dagli ultimi dati disponibili: in tempo di Covid, questi settori hanno avuto la minore incidenza di infortuni per ore lavorate (-35% rispetto alla media manufatturiera)”, ricorda una nota congiunta.

Le 4 aziende premiate

La giuria, composta dai rappresentanti di parte datoriale e sindacale, ha assegnato il premio “Migliori esperienze aziendali” con queste motivazioni:

  • Biogen Italia:  per l’impegno alla diffusione di un modello culturale di responsabilità sociale basato sulla massima attenzione al benessere dei lavoratori, all’equilibrio fra vita lavorativa e privata e alla tutela ambientale.
  • Gruppo Chiesi: per la valorizzazione della responsabilità sociale dell’impresa, in particolare attraverso scelte per il miglioramento della salute e benessere dei lavoratori e per la valorizzazione delle diversità.
  • Siad: per l’impegno profuso nello sviluppo di un’impresa responsabile che pone particolare attenzione a sicurezza e salute nei luoghi di lavoro anche attraverso il ricorso alla tecnologia digitale in ottica di miglioramento continuo.
  • Unifarco: per le scelte in tema di welfare contrattuale e flessibilità organizzativa attuate attraverso l’impegno congiunto delle Parti aziendali per lo sviluppo della cultura di responsabilità sociale dell’impresa.

Biogen Italia e Gruppo Chiesi sono due protagonisti della scena farmaceutica. Siad è un gruppo chimico italiano che opera nella produzione e fornitura di gas industriali. Unifarco è una spa costituita da farmacisti dedicata alla produzione di prodotti cosmetici e dermatologici, nutraceutici e preparati galenici.

L’impegno delle Parti sociali

In occasione della Giornata dedicata, associazioni di categoria e sindacati hanno presentato tre iniziative che, uniche nel panorama industriali, sono gestite congiuntamente dalle Parti sociali firmatarie del Ccnl:

  • Il sito internet sicurezzasaluteambiente.it, interamente dedicato proprio alla sicurezza e salute dei lavoratori e alla tutela dell’ambiente;
  • I nuovi moduli formativi, anche on-line, per la maggior diffusione delle scelte settoriali, destinati ai rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, la salute e la tutela dell’ambiente (Rlssa);
  • Un concorso per promuovere la cultura della sicurezza non solo nelle aziende ma anche nelle scuole.

I dati

I dati Inail e quelle dell’ultimo rapporto del Programma Responsible Care certificano l’impegno del comparto: “Le imprese di questi settori in Italia – continua la nota – hanno adottato in modo molto efficace i protocolli anti Covid-19: nel 2020 i contagi hanno pesato solo per il 4,6% sul totale degli infortuni nei luoghi di lavoro. I due settori sono anche tra quelli con la più bassa incidenza di infortuni in confronto alle ore lavorate, oltre il 35% in meno rispetto alla media manifatturiera. Nel complicato contesto della pandemia sono comunque migliorate le prestazioni, già ottime, che riguardano tutti gli indicatori di sostenibilità ambientale: rispetto al 1990, i gas serra si sono ridotti del 62% e l’efficienza energetica è migliorata del 48%. Risultati rilevanti, già in linea con gli obiettivi dell’Unione europea al 2030. Migliora anche la gestione dei rifiuti: il riciclo è la prima modalità di trattamento ed equivale a quasi il 30% del totale”.

 

Tag: Biogen / chiesi / esg / farmindustria / Federchimica / Responsabilità sociale / sostenibilità / welfare /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
Chirurgia robotica

Più applicazioni e mercato, ma i robot chirurgici sono ancora un lusso

Nonostante cresca il numero degli interventi eseguiti Italia, secondo gli esperti c’è un problema di “robot divide”, legato soprattutto al prezzo e alla manutenzione dei macchinari. La ricerca intanto fa passi da gigante. Mentre in mezzo al dominio dei grandi produttori, spunta un’eccellenza italiana

RUBRICHE
FORMAZIONE