Sanità digitale: appuntamento a Bruxelles il 12 aprile per il Digicare Forum

Pubblicato il: 17 Febbraio 2016|

Affrontare la rivoluzione digitale e il suo impatto sulla gestione delle esigenze sanitarie da parte dei cittadini europei. Con quest’obiettivo i principali attori a livello europeo nel settore della digital health si riuniranno il prossimo 12 aprile a Bruxelles per il Digicare Forum. L’evento, organizzato da Aim Group International in collaborazione con Glocal Solutions e vanGoGh, si propone come primo euroseminario sulla rivoluzione digitale nel settore sanitario in Europa.
Basti pensare che oggi, secondo un recente sondaggio di Eurobarometro, sei europei su dieci utilizzano Internet per ricercare informazioni in ambito sanitario e, per gestire l’impatto di queste nuove tecnologie sulla vita dei pazienti,  governi, istituzioni e associazioni mediche sono alla ricerca di sempre nuove soluzioni.
App, educazione continua in medicina 2.0, digital marketing, comunicazione digitale diretta al paziente e libro verde sulla salute mobile della Commissione Europea saranno alcuni dei temi affrontati nel corso dell’evento. Incluso nell’Agenda della Commissione Europea per il 2016, Digicare Forum sarà il primo incontro di una serie di appuntamenti annuali di condivisione e scambio sulla digitalizzazione in Sanità.
IL PROGRAMMA

Tag: Bruxelles / Commissione europea / Digital / sanità digitale /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE