Sanofi, risultati 2012: utile netto -7%, pesano le scadenze brevettuali

Pubblicato il: 8 Febbraio 2013|

Scadenze a pioggia per i brevetti delle Big Pharma, occorrenza ineludibile che pesa sui margini delle aziende: ne ha risentito anche il colosso francese Sanofi, che ha registrato nel 2012 un utile netto in calo del 7% rispetto al 2011 (8,2 miliardi di euro), benché le vendite siano cresciute del 4,7%. I brevetti scaduti (soprattutto l’antiaggregante Palvix – clopidogrel – e l’antipertensivo Avapro – irbesartan) e la concorrenza dei competitor genericisti hanno impattato per 1,3 miliardi sull’utile 2012, e l’azienda prevede che nel primo semestre 2013 manderanno ancora in fumo 800 milioni di potenziali profitti. Ciò nonostante, per la fine del 2013 l’utile netto per azione (EPS) è previsto da stabile a in calo del 5%, una performance da non disdegnare a fronte del -6,8% registrato nel 2012; Chris Viehbacher, AD di Sanofi, ha confermato questo outlook, assicurando che gli effetti dei brevetti scaduti si faranno sentire solo nel primo semestre dell’anno in corso: “Benché i risultati finanziari nella prima metà del 2013 risentiranno dell’effetto residuo della perdita di brevetti chiave, ci aspettiamo di tornare a crescere nella seconda metà dell'anno”.

Sul valore del titolo Sanofi in Borsa hanno inciso, però, soprattutto i dati del quarto trimestre 2012: il fatturato è salito, impercettibilmente (+0,2%), a 8,5 miliardi di euro, ma l’utile netto è precipitato del 71,5%, attestandosi a 410 milioni. I mercati non hanno accolto bene questo annuncio, e Parigi ha penalizzato il titolo con ribassi che hanno superato il 4% in alcuni momenti della seduta di ieri, giovedì 7 febbraio. 

Tag: 2012 / aziende / azioni / brevetti / sanofi / trend di mercato / utile netto / vendite /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
plasma

La via italiana al plasma, sognando l’autosufficienza

Il ddl Concorrenza introduce nuove regole per la produzione dei farmaci e ribadisce il principio della donazione gratuita alla base del nostro sistema trasfusionale. Ma la raccolta va potenziata per limitare la dipendenza dal mercato estero. Dal numero 199 del magazine

RUBRICHE
FORMAZIONE