Terapie geniche, Stephen Squinto è il nuovo presidente di Genenta Science

Pubblicato il: 23 Novembre 2020|

Genenta Science, biotech che sviluppa una terapia genica con cellule staminali progenitrici ematopoietiche per il cancro, ha annunciato la nomina a presidente di Stephen Squinto.

Il profilo

Esperto di biotecnologie, si tratta di un veterano del mondo biotech. È cofondatore di Alexion Pharmaceuticals, partner di Orbimed Adivisors ed ex Ceo di Passage Bio, azienda specializzata in terapia genica. La nomina avrà effetto in seguito all’approvazione dell’Assemblea degli azionisti di Genenta. Pierluigi Paracchi, attualmente presidente e amministratore delegato dell’azienda, continuerà a ricoprire la carica di Ceo. Ha conseguito il dottorato di ricerca in Biochimica e Biofisica presso la Loyola University di Chicago.

Esperienza al servizio di Genenta

Pierluigi Paracchi, Ceo di Genenta, ha dichiarato: “Sono lieto di dare il benvenuto a Steve Squinto a Genenta come nostro nuovo presidente. Steve fornirà preziosi input e indicazioni per lo sviluppo della società, in relazione alla sua esperienza nell’industria biotecnologica. In particolare, la sua esperienza come Ceo dell’azienda Passage Bio fornisce un chiaro parallelo a Genenta, poiché continuiamo a sviluppare il gene delle cellule staminali relativo alla nostra terapia”.

Il commento

“È un onore essere Presidente di Genenta, un’azienda che ha il potenziale per rivoluzionare il modo in cui trattiamo il cancro attraverso la sua nuova terapia immuno-genica. Non vedo l’ora di lavorare con il team eccezionale già in atto per progredire in questo trattamento, che ha un potenziale contro un’ampia gamma di tumori sia come prima linea che come combinazione terapia, ulteriormente attraverso studi clinici e verso il mercato”, ha commentato Stephen Squinto.

Tag: biotech / Genenta Science / nomine /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
organi su chip medicina personalizzata

Organi su chip: la medicina personalizzata si può fare anche così

Una tecnologia che potrebbe far risparmiare fino a cinque anni di tempo e fino al 20% del costo totale di sviluppo di un farmaco (in miliardi di euro) più solide conoscenze su cui basare le delicate fasi iniziali della sperimentazione e al contempo essere strumento per una medicina sempre più personalizzata

RUBRICHE
FORMAZIONE