Nuove insuline più efficaci nell’ipoglicemia notturna

Risultati positivi dagli studi presentati allo European Association for the Study of Diabetes (Easd)

Un migliore controllo delle ipoglicemie notturne nei pazienti con diabete di tipo 2 grazie all'impiego di nuove insuline in sviluppo è un dato che emerge dal 48° Congresso annuale dell’EASD (European Association for the Study of Diabetes), in corso a Berlino. In uno studio di Fase III, insulina degludec, sviluppata da Novo Nordisk, ha dimostrato, a parità di controllo dei livelli di glicemia, di ridurre del 43% gli episodi di ipoglicemia notturna rispetto a insulina glargine (già disponibile sul mercato). Lo studio, durato due anni, ha coinvolto 1.030 persone con diabete di tipo 2, non trattate in precedenza con insulina, alle quali è stata somministrata insulina degludec o la glargine, entrambe associate a farmaci antidiabetici orali. Insulina degludec è in fase di registrazione presso gli enti regolatori europei (Ema) e statunitensi (Fda).
In uno studio di Fase II, l’insulina basale LY2605541 ha diminuito del 48% i casi di ipoglicemia notturna rispetto all'insulina glargine. La molecola LY2605541 è in sviluppo da parte di Eli Lilly e Boehringer Ingelheimin, aziende da gennaio 2011 hanno fondato un’alleanza per l’area diabetologia, che riguarda quattro farmaci in via di sviluppo.