Intervento esclusivo di Raffaello Vignali

Anche all’Italia serve un piano di finanziamento dell’innovazione

 

Anticipazione dal numero 101 di AboutPharma & Medical Devices del mese di ottobre

 


di Raffaello Vignali, Vice Presidente della X Commissione Attività Produttive, Commercio e Turismo della Camera dei Deputati

Ecco perché dovremmo prendere a esempio la Gran Bretagna e rivoluzionare le nostre politiche pubbliche su scienza, industria e cervelli. E smetterla di lamentarci.

 

Anticipo il finale di questo mio intervento con una provocazione: quando anche in Italia potremo vedere un piano d’azione governativo come questo?. Il programma del Governo britannico Investing in UK Health and Life Sciences costituisce infatti un modello paradigmatico da diversi punti di vista. Il primo è la capacità di leggere e individuare le competenze distintive che costituiscono il punto di forza del Paese. Questo aspetto è tanto semplice quanto decisivo, perché la crescita economica avviene facendo leva sui punti di forza. Le Life Science sono un settore nel quale la Gran Bretagna eccelle, sia dal punto di vista industriale, sia dal punto di vista della ricerca (ed è superfluo sottolineare la necessaria coesistenza e compenetrazione di questi due fronti in un settore knowledge intensive come questo). […] Qualcuno potrebbe obiettare che per gli inglesi è più facile individuare settori industriali, a seguito del fortissimo processo di terziarizzazione di quell’economia, con particolare riferimento alla componente finanziaria. Tuttavia tale obiezione non va rivolta a quel Paese, ma semmai al nostro, che ha una tradizione manifatturiera ben più sviluppata e che (per nostra fortuna) si è mantenuta. Il secondo aspetto di metodo consiste nella consapevolezza che essere ai livelli di vertice in un settore economico non è dato per sempre. Se non s’innova, non si cambia, non s’individuano nuove sfide, il destino è quello di essere (impietosamente) superati…

 

Continua a leggere su AboutPharma & Medical Devices di Ottobre