Menarini: un mese di sospensione per trattare sui mille esuberi

L’azienda ha accettato la richiesta della Regione Toscana, ora il tavolo al Ministero dello Sviluppo Economico

Menarini ha sospeso i mille esuberi annunciati nei giorni scorsi per avviare un tavolo di confronto. Lo ha annunciato il Direttore generale, Domenico Simone, all'assessore regionale al Lavoro Gianfranco Simoncini. “Il Dg Simone – ha detto Simoncini parlando con i giornalisti a margine del Consiglio regionale della Toscana – mi ha informato di aver accettato la richiesta della Regione, di sospendere per un mese gli esuberi. Informerò già oggi il sottosegretario De Vincenti perché sia convocato a Roma, al più preso, un tavolo (presso il Ministero dello Sviluppo Economico, ndr.) per affrontare i problemi e salvaguardare i posti di lavoro”.

La casa farmaceutica fiorentina conferma comunque le motivazioni che avevano portato all'annuncio degli esuberi: “Una rapida e progressiva perdita di fatturato avvenuta a seguito della norma che impone al medico di inserire in ricetta il principio attivo. Tale norma sta determinando un massiccio spostamento di quote di mercato dalle aziende farmaceutiche di ricerca, produttrici di farmaci originali, a produttori genericisti, senza alcun risparmio per il Ssn, che già oggi rimborsa i farmaci al prezzo più basso disponibile sul mercato. Ciò, con ricadute immediate sull'occupazione”.