Sidoli: “Anche l’Italia deve puntare sulla bioeconomia”

L'appello lanciato a Milano durante la seconda edizione del Forum italiano sulle biotecnologie industriali e la bioeconomia

“Non bisogna confondere la bioeconomia e le biotecnologie, sono due aspetti diversi. La bioeconomia non riguarda solo le biotecnologie, è un’area molto molto più ampia e complessa, che comprende anche altri temi quali la logistica e il problema degli standard tecnologici”. Questo l’appello lanciato da Daniele Colombo di Innovhub-Stazioni Sperimentali per l’Industria e Italian Biocatalysis Center, in occasione della seconda edizione di IFIB, Forum italiano sulle biotecnologie industriali e la bioeconomia. Proprio su quest’ultima tematica lo scorso febbraio la Commissione Europea ha promosso una strategia per indirizzare l’economia europea verso un più ampio e sostenibile uso delle risorse rinnovabili.  Importanza crescente della bioeconomia sottolineata anche dal Presidente di Assobiotec, Alessandro Sidoli: “La bioeconomia è un settore su cui anche l’Italia deve puntare con forza, come stanno facendo gli altri Paesi europei, la Russia, gli Stati Uniti, ma anche molti Paesi asiatici e sudamericani, se davvero si vuole conciliare la crescita economica del Paese e la creazione di nuovi posti di lavoro con la sostenibilità ambientale. Per raggiungere l’obiettivo serve però una strategia concreta per lo sviluppo della bioeconomia, che ci auguriamo il Governo voglia presto varare perché il Paese possa partecipare da protagonista a questa nuova rivoluzione industriale”.