“Diritto alla cura, diritto a curare”: a Roma 20mila manifestanti

Domani il ministro Balduzzi incontrerà una delegazione delle organizzazioni promotrici

Un esercito in camice bianco di circa 20 mila medici, appartenenti alle principali sigle sindacali, è sceso in piazza sabato, sfilando per le vie di Roma per protestare contro i ticket e i tagli alla sanità. “Diritto alla cura, diritto di curare” lo slogan della manifestazione partita da piazza della Repubblica e giunta fino al Colosseo con tanto di marcia funebre e una bara a simboleggiare la fine del Servizio sanitario nazionale. A sostenerla tutti i sindacati dei medici e degli operatori sanitari e numerose forze politiche (Pd, Sel e Idv, ma anche due esponenti di centrodestra come il presidente della commissione Sanità del Senato, Antonio Tomassini, e l'ex ministro Girolamo Sirchia). Sotto accusa i recenti provvedimenti del governo Monti, dalla spending review alla Legge di stabilità, che, secondo gli organizzatori, starebbero minando il diritto alla salute sancito dall’art. 32 della Costituzione. La “cura dimagrante” imposta ad Asl e ospedali, che oggi rischia di colpire allo stesso tempo sprechi e servizi, ha però una storia più lunga, dato che la Corte dei Conti ha quantificato in 31 miliardi di euro i tagli delle manovre degli ultimi 5 anni.
“Questa manifestazione – ha dichiarato il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso – è una risposta forte all'aggressione che il nostro Servizio Sanitario Nazionale sta subendo. Invece di combattere davvero gli sprechi e riorganizzare i servizi si riducono le prestazioni ai cittadini ed è paradossale che in piena crisi sia messa a repentaglio una delle conquiste fondamentali del nostro paese”. Dal governo è giunta comunque un’apertura al dialogo. Il Ministro della Salute, Renato Balduzzi, ha fatto sapere di aver seguito “con molta attenzione" una manifestazione "ispirata da un convinto desiderio di sostenere e valorizzare il nostro Servizio sanitario nazionale" e ha fissato per domani, martedì 30 ottobre, un incontro con una delegazione delle organizzazioni promotrici.