Gli Oscar della Sanità

I vincitori dell’“Oscar di Bilancio 2012” della PA premiati per trasparenza e buona gestione dalla Federazione Relazioni Pubbliche Italiana, Anci e Fiaso

Pharmanutra nel primo semestre 2019

Chiarezza sullo stato finanziario e trasparenza sul bilancio sociale e sulla comunicazione contraddistinguono Toscana, Genova, La Spezia, Castel Maggiore (Bo), Asl di Trento e Policlinico di Parma, che hanno ricevuto l’“Oscar di Bilancio 2012” della Pubblica Amministrazione. I sei vincitori della PA sanitaria hanno documentato con chiarezza lo stato finanziario dell’Ente, i programmi di investimento e i progetti realizzati, ma anche il bilancio sociale delle attività, ossia del “come” le risorse investite abbiano prodotto beni e servizi di pubblica utilità.

“Per la prima volta – ha sottolineato il Presidente della FIASO, Giovanni Monchiero – l’Oscar di Bilancio ha dedicato premi specifici alla aziende sanitarie e a quelle ospedaliere e questo è particolarmente stimolante in un settore, come quello della Sanità, sotto costante pressione finanziaria”. In un momento storico che vede mettere sotto accusa la gestione degli enti locali, l’”Oscar di Bilancio 2012” dimostra che esiste una parte della Pubblica Amministrazione che riesce a conciliare il valore dell’autonomia con quello della responsabilità, presentando bilanci corretti e trasparenti. “Il sistema delle autonomie territoriali italiane – ha detto in occasione della  cerimonia di consegna degli Oscar della PA 2012 il Ministro per i Rapporti con il Parlamento Dino Piero Giarda – costituisce da sempre, nonostante le recenti avversità, il fondamento della nostra democrazia costituzionale. E’ portatore del valore della vicinanza tra  cittadino-utente e potere politico e amministrativo, teorico laboratorio di formazione della classe politica, produttore di servizi per la collettività”.