Cergas Bocconi, bassi i prezzi dei farmaci in Italia

Aggiornato lo studio che mette a confronto i prezzi delle molecole praticati nelle principali competitor europee

un'agenzia per controllare i prezzi dei farmaci

Nel nostro Paese i farmaci rimborsabili (classi A e H) costano assai meno che in Francia, Germania, Spagna e Inghilterra. Lo ha evidenziato un’analisi CERGAS Bocconi (su dati IMS Health) – a cura di Claudio Jommi e Francesco Costa – che ha aggiornato un ampio studio sul prezzo dei medicinali in Italia e nelle principali competitor europee del Belpaese (consulta una sintesi dello Studio sul sito di Farmindustria).

L’aggiornamento di questa indagine al 31 dicembre 2012 ha messo a confronto i prezzi unitari delle prime 150 molecole vendute in farmacia (60% del fatturato di classe A) e le prime 50 distribuite attraverso il canale ospedaliero (30% del mercato di classe H). Ebbene, questi farmaci costano in Italia il 19% in meno in farmacia e l’8% in meno in ospedale rispetto ai 5 Paesi europei citati. Il dato più rilevante riguarda i farmaci off patent: nelle farmacie italiane i “senza brevetto” costano il 16,5% in meno della media delle 5 nazioni europee prese a riferimento, con un record del -28,7% rispetto alla Francia. “È l’effetto dell’applicazione sempre più estensiva del prezzo di riferimento, ma anche delle revisione dei prezzi delle molecole off patent da parte dell’Aifa da un anno a questa parte”, ha spiegato il professor Jommi.