Spending review, dai tagli lineari alle idee nuove

Convegno dell'Accademia Nazionale di Medicina a Roma

“Il dibattito durante e dopo l’approvazione della Spending review si è incentrato sul fatto che il provvedimento, benché ritenuto urgente e necessario, ha operato una riduzione della spesa pubblica attraverso tagli lineari, senza tener conto di indicatori di performance e di parametri di esito”. Lo evidenzia Nello Martini, Direttore Sviluppo e Ricerca dell’Accademia Nazionale di Medicina. Per riprendere in modo costruttivo la discussione su questo provvedimento l’Accademia Nazionale di Medicina ha organizzato il convegno “Dai tagli lineari alle idee nuove in Sanità”, che si svolgerà a Roma domani, 12 febbraio (vai all'agenda del convegno): il direttore di AboutPharma, Walter Gatti, modererà la sessione pomeridiana dell'evento. I maggiori esperti del comparto Salute si confronteranno sul principio di un nuovo processo di contenimento della spesa sanitaria, basata su idee per lo sviluppo, pur nel rispetto dei vincoli di bilancio. Gli ambiti del dibattito riguarderanno l’approccio a una governance di sistema, gli indicatori di performance, la spesa farmaceutica, la formazione nelle Asl, l’integrazione dei sistemi e dei flussi gestionali e amministrativi, l’Hta e l’impatto delle nuove tecnologie in Sanità.

L’evento è rivolto ai dirigenti degli Assessorati alla Sanità, ai Direttori generali, sanitari e amministrativi delle Asl, degli ospedali pubblici e privati, ai medici. Agli interventi, in apertura della giornata di lavori, di Ignazio Marino, Presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sull’efficacia e l’efficienza del Servizio sanitario nazionale, e di Antonio Tomassini, Presidente della XII Commissione Igiene e Sanità del Senato, seguiranno gli approfondimenti dei relatori. Giovanni Bissoni, Presidente Agenas, si soffermerà sulla rilevanza politica e amministrativa di un cambiamento di approccio al governo del sistema sanitario, Luigi Frati, Professore Ordinario di Patologia Generale dell’Università La Sapienza di Roma, parlerà di sostenibilità della formazione nelle Aziende Sanitarie e delle modalità innovative di gestione dei processi formativi e Fulvio Moirano, Direttore Agenas, si concentrerà su due questioni importanti e attuali per la ripartenza del sistema sanitario, quali tagli lineari e indicatori di performance. Su come affrontare la crisi e quali soluzioni adottare per migliorare l’assistenza farmaceutica e la gestione delle Asl interverranno Nello Martini e Marcello Degni, professore di Finanza e contabilità presso l’Università degli Studi di Pisa. Per cercare di trovare vie nuove per garantire tagli secondo parametri più equi Valerio Alberti, Presidente Fiaso, approfondirà i temi dell’integrazione dei sistemi di gestione, della riduzione stabile dei costi e dell’incremento dell’efficacia sanitaria, e Walter Ricciardi, Direttore dell’Istituto di Igiene dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, si soffermerà sull’importanza dell’Hta (Health Technology Assessment), come strumento per la valutazione dell’impatto delle nuove tecnologie in Sanità.

Altri temi al centro del dibattito: nuove direttrici per trasformare i vincoli in opportunità, Spending review e programmazione regionale e il networking nella diagnostica oncoematologica come esempio per il miglioramento della performance e il contenimento della spesa. Obiettivo? Come spiegato da Martini: “Superare la cultura dell’emergenza per dare stabilità al sistema e possibilità di una programmazione di medio periodo, in un contesto che deve assicurare il rispetto dei vincoli di bilancio e lo sviluppo del settore”.