Tecnosan 2013: come implementare la medicina digitale in Italia?

Gli esperti del settore si confrontano a Roma per discutere dello stato attuale dell'E-health in Italia

"E' fondamentale che l'Italia capisca che viviamo nell'economia digitale ma anche nel mondo digitalizzato di cui la connettività è un punto chiave. Dobbiamo dotare il nostro Paese di infrastrutture digitali efficaci. Se fossimo stati nell'epoca industriale e l'Italia non avesse avuto industrie, saremmo stati arretrati. Lo stesso discorso vale per l'epoca digitale". E' quanto dichiarato da Sergio Pillon, VicePresidente della Società italiana di Telemedicina (Sit), intevenendo oggi, 15 marzo, al Tecnosan 2013 – First Open Source Meeting, in corso a Roma.

Gli esperti del settore e delle industrie di telemedicina italiane presenti all'evento, di cui AboutPharma and Medical Devices è media partner, si sono confontati sulle tematiche legate a doppio filo alla Sanità in generale e a quella elettronica in particolare. Secondo gli esperti è necessario mettere a sistema le best practice regionali e nazionali e contrastare l'arretratezza culturale da parte del management sulle possibilità  offerte dalla Sanità digitale. E' stato inoltre sottolineato che l'introduzione dell'uso del Web in alcune procedure mediche garantirebbe vantaggi economici e risparmi di tempo.

"La telemedicina rappresenta un valore aggiunto nel rapporto tra medico e paziente, perchè non annulla il contatto personale ma elimina i passaggi inutili che invece lo impoveriscono – ha aggiunto Pillon – Con la medicina 2.0  si può dare al paziente un'apparecchiatura che trasmette il parametro direttamente al medico e i costi scendono". L'uso dell'Information Technology in Sanità coviene sia al decisore pubblico, che spende di meno, sia al medico, che lavora meglio, sia al paziente che viene curato a casa propria.

Ma come implementare la medicina digitale in tempi di crisi? Secondo gli esperti è necessario attrarre le aziende straniere ad investire nel nostro Paese ma  per far questo è necessario dare regole certe. Al momento le linee di indirizzo della telemedicina elaborate ai tempi del ministro Fazio sono sul tavolo della Conferenza Stato-Regioni.  In attesa di vedere cosa farà il prossimo ministro della Salute, nel nuovo accordo collettivo nazionale tra i medici di medicina generale eil Ministero della Salute la medicina digitale dovrà avere un ruolo importante e questo non potrà essere fatto solo con generici incentivi dati ai medici per l'informatizzazione.

Il passo successivo? Implementare la firma digitale. Se non si producono documenti sanitari digitali non esisterà un fascicolo sanitario elettronico,  che è  alla base della Sanità elettronica.