In Asl e Ospedali la prevenzione si fa “Smart”

Ecco i più interattivi secondo il laboratorio Fiaso su e-health

Sempre più numerose le Aziende sanitarie pubbliche che ricorrono a web, smartphone, tablet e social network per una educazione agli stili di vita corretti sempre più interattiva. E' quanto emerge dallo studio del Laboratorio FIASO “Comunicazione e promozione della salute”, presentato oggi a Roma, presso il Forum PA. 

Oltre ad aumentare la percentuale di Asl che si occupano di Sanita 2.0, alcune aziende ospedaliere iniziano anche a distinguersi con progetti eccellenti. Ecco i vincitori del Concorso #web2salute”: medaglia d’oro a “Radio Magica”, nata a Trieste. Si tratta del primo canale web targato Asl interamente dedicato ai bambini, che comprende una web-radio in onda tutti i giorni con un ricco palinsesto, arricchito anche da una biblioteca multimediale accessibile a sordi e ciechi per mezzo di audio o video narrazioni. Secondo classificato il progetto della Asl di Varese “Io sono Leonérd” nato con l’obiettivo di promuovere la prevenzione dall’Hiv tra i giovani. È un fumetto che viaggia su facebook e twitter, con il protagonista ossessionato da virus e batteri e un dinosauro “T-Rex” che sa fare luce sui falsi miti che girano intorno al virus. Una menzione speciale a un progetto della Asl di Modena "L'estate si fa calda…Se decidi di esporti usa un fattore protettivo alto" che invita gli abitanti della provincia a non abbassare la guardia di fronte al rischio di trasmissione di Hiv/Aids. Solo che per veicolare i  messaggi di prevenzione non ci si è fermati a una locandina, ma la Asl ha messo a punto una card tascabile, con il Numero Verde Regionale AIDS e un QR-code, che rimanda alla APP per i-Phone e i-Pad dedicata a HelpAIDS.

A mettere “in rete” le esperienze maturate nelle Aziende sanitarie pubbliche: FIASO, la Federazione delle Aziende sanitarie e ospedaliere italiane, che oggi ha promosso l’incontro “Web 2.0 e salute: etica e tecnica”. Un momento di condivisione dei casi  di e-health a portata di click o di smartphone, selezionati in oltre un anno di attività dal Laboratorio FIASO “Comunicazione  e promozione della salute”, culminato nel “Concorso #web2salute”.

La “prevenzione 2.0” si profila come più efficace oltre che meno onerosa delle tradizionali campagne radio-tv o condotte a suon di libricini e locandine destinati spesso solo a qualche sguardo distratto. E soprattutto lontani dal mondo dei giovani.