L’ingresso di Merck Serono nel mondo dei social network

L’eterogeneita` dei nuovi media impone approcci differenziati a seconda degli obiettivi aziendali e degli strumenti utilizzati

Dal numero 109 di AboutPharma and Medical Devices di giugno

Sfruttare le possibilità offerte dai nuovi media, mantenendo alta l’attenzione sui rischi connessi. Con questa filosofia Merck Serono affiliata del gruppo farmaceutico e chimico Merck con sede a Darmstadt (Germania), ha iniziato a muovere i primi passi nel settore dei social network, lanciando il progetto “La scienza narrata” su Facebook e Twitter. Abbiamo domandato ad Antonio Tosco, direttore Health outcomes & market access, di spiegarci l’approccio dell’azienda al mondo digitale e i progetti attualmente in corso.

Cosa si intende per realtà digitale e nuovi media? Siete attivi in questo contesto?

Quando si parla di digitale e nuovi media, si intende un universo caratterizzato da una varietà di strumenti a disposizione e di contesti di applicazione. Merck Serono, come tutte le realtà di Merck, è particolarmente attiva in questo ambito, riconoscendo le potenzialità e l’importanza delle differenti applicazioni digitali per il raggiungimento degli obiettivi aziendali.

Come divisione del gruppo Merck, avete costruito una strategia specifica per questo ambito?

Il settore digitale e dei new media è un ambito eterogeneo e complesso. Parlare di una singola strategia digital mi sembra limitativo. Facendo un esempio concreto, c’è una profonda differenza, in termini di linguaggio, potenzialità e target,tra applicazioni digitali quali la formazione a distanza, i social network e le app per tablet e smartphone, anche se in molti casi sono possibili integrazioni interessanti. Questa eterogeneità rende quasi impossibile un approccio unico. Dal mio punto di vista il concetto di “strategia digitale” ha poco senso: sarebbe più corretto parlare di “strategie digitali”. È necessario applicare approcci differenziati, che tengano conto degli obiettivi aziendali globali e locali, delle linee guida corporate e dello specifico strumento utilizzato.

Siete presenti localmente con un’unita dedicata a questo tipo di iniziative?

Non abbiamo una singola struttura che si occupa di progetti digitali a livello locale. Pensiamo che il modo migliore per affrontare un ambito così diversificato e pervasivo sia di sviluppare un’expertise di network. Funzioni quali marketing,information technology, comunicazione, business intelligence, regolatorio e legale si impegnano a sviluppare specifiche competenze per il loro ambito di responsabilità, e maturano conoscenze comuni e trasversali lavorando insieme sui diversi progetti.

 

 

Continua a leggere sul numero 109 di AboutPharma and Medical Devices di giugno