Biosimilari: finisce la collaborazione fra Teva e Lonza

Le società hanno affermato che l'interruzione della joint venture, avviata nel 2009, consentirà a entrambe le aziende di portare avanti le rispettive strategie

Teva Pharmaceutical Industries e il Gruppo Lonza hanno annunciato ieri, 25 luglio, la decisione di interrompere la loro collaborazione per lo sviluppo congiunto, la produzione e la commercializzazione di farmaci biosimilari.

 

Le due società farmaceutiche hanno affermato che l'interruzione della joint venture, che fu avviata nel 2009, consentirà a entrambe le aziende di portare avanti con più efficacia le rispettive strategie.

“Teva ha una storia di successi nell'area dei farmaci di origine biologica e abbiamo intenzione di continuare a costruire su questo successo”, ha detto Michael Hayden, capo dell’R&D e direttore scientifico di Teva a livello globale.

Dal canto suo Stephan Kutzer, COO di Lonza Pharma, ha affermato che Lonza non ha intenzione di investire ulteriori risorse nello sviluppo di prodotti biosimilari, per tornare a concentrarsi sullo sviluppo di linee cellulari, che rappresentano storicamente il core business  dell’azienda.