Baxter e Coherus: accordo per biosimilare dell’etanercept di Amgen

Deal da 246 milioni di dollari per sviluppare il biosimilare di etanercept, farmaco di Amgen il cui brevetto scade in Europa nel 2015,ma in Usa nel 2028

L’americana Baxter e la bioetch californiana Coherus Biosciences hanno firmato un accordo esclusivo per sviluppare e commercializzare una versione biosimilare del farmaco  Enbrel (etanercept) di Amgen per vari mercati, inclusi Europa, Canada e Brasile, ma non negli Stati Uniti, dove i brevetti sul farmaco sono stati prolungati fino al 2028.

L’affare tra le due aziende ha un valore che si aggira intorno ai 246 milioni di dollari: l’intesa prevede che Baxter paghi subito a Coherus la somma di 30 milioni, riconoscendole fino a un massimo di altri 216 milioni in pagamenti legati allo sviluppo clinico, commerciale e regolatorio del farmaco.

Etanercept, commercializzato in tutto il mondo con il marchio Enbrel, è un anticorpo monoclonale che blocca il fattore di necrosi tumorale (TNF) ed è indicato per l'artrite reumatoide, così come per l'artrite poliarticolare idiopatica giovanile nei pazienti di 2 anni o più, artrite psoriasica, spondilite anchilosante e psoriasi a placche.

Se negli Stati Uniti i brevetti sul farmaco sono stati prolungati di 17 anni, nell'Unione europea, invece, scadranno nel 2015 e al momento, a parte qualche biosimilare indiano, solo l’elvetica Sandoz starebbe attivamente lavorando al biosimilare di Enbrel. Negli Stati Uniti e in Canada, etanercept è commercializzato da Amgen nell'ambito di un accordo con Pfizer che dovrebbe scadere il prossimo 31 ottobre.

Lo scorso anno il medicinale ha generato un fatturato di 7,963 miliardi di dollari (+8% sul 2011), di cui 4,236 nelle aree geografiche gestite da Amgen (principalmente gli Usa) e 3,737 miliardi nelle aree geografiche gestite da Pfizer.

Grazie all’intesa appena firmata con Coherus, continua a crescere la pipeline nel settore dei biosimilari di Baxter, che già da tempo collabora con la biotech americana Momenta Pharmaceuticals. Quest’ultima poche settimane fa ha comunicato di avere tre biosimilari in fase di sviluppo con Baxter: M923 e M834 (due prodotti rivolti alle indicazioni autoimmuni ed infiammatorie) e M511 (un anticorpo monoclonale per l'oncologia).