GSK sulla presa di distanze del Mario Negri dall’Innovative Medicines Initiative

GSK: “Il Mario Negri unico partner ad aver deciso di non aderire per mancanza di trasparenza”

In risposta al comunicato stampa del Mario Negri – attraverso il quale  l’Istituto milanese ha fatto sapere di aver ritirato la propria adesione alla partnership europea “Innovative Medicines Initiative”, per un'asserita mancanza di trasparenzaGlaxoSmithKline ha comunicato nella serata di ieri, 5 settembre, la propria posizione sulla vicenda:

“Mentre rispettiamo le scelte, le opinioni e il lavoro di un Istituto di sicuro valore e prestigio come il Mario Negri – si legge nella nota della farmaceutica britannica – siamo dispiaciuti per le affermazioni riportate e, in analogo spirito di trasparenza, sottolineiamo come nell'articolo del British Medical Journal del 4 settembre scorso, l'Istituto stesso sia segnalato come l'unico dei partner ad avere deciso di non aderire per mancanza di trasparenza. L'iniziativa di ricerca – prosegue GSK nel messaggio inviato alla stampa – vede la partecipazione di tre aziende farmaceutiche di grandi dimensioni, una di medie e soprattutto di 16 entità pubbliche di respiro internazionale, alcune delle quali hanno espressamente dichiarato nello stesso articolo di essere soddisfatte del livello di condivisione, trasparenza e collaborazione. Come azienda riteniamo che l'iniziativa sia caratterizzata da una trasparenza e da una possibilità di accesso e utilizzo dei dati senza precedenti, anche se un'apertura totale non è stata ritenuta possibile per ragioni di carattere regolatorio e continueremo a fare del nostro meglio affinché si possa continuare a progredire lungo questa linea di condotta”.