Biciclette contro il dolore”, successo per la pedalata di medici e farmacisti organizzata da Fondazione ISAL”

70 professionisti della Salute in sella contro il dolore. Presente anche Guido Fanelli (presidente Commissione Dolore e Cure Palliative del Ministero).

Via i camici e su le uniformi tecniche da ciclista per oltre 70 medici e terapisti del dolore provenienti da ogni parte d’Italia. È stata un successo la prima edizione di “Biciclette contro il Dolore”, pedalata non competitiva che si è svolta sabato scorso, 7 settembre, a Calestano, cittadina del parmense ai piedi dell’Appennino emiliano.

 

L’iniziativa – organizzata dalla Fondazione ISAL per sensibilizzare i medici e l'opinione pubblica su quanto sia importante affrontare il dolore non solo come sintomo, ma come vera malattia – ha rappresentato anche l’appuntamento inaugurale di “Cento città contro il dolore”, Giornata internazionale organizzata dalla Fondazione – sotto l’Alto patronato della Presidenza della Repubblica – per informare i cittadini sulle terapie disponibili contro il dolore e sui centri specialistici presenti sul territorio, diffondere il diritto alla cura sancito dalla Legge 38 del 2010 e raccogliere fondi per la ricerca scientifica.

 

Alla prima edizione di “Biciclette contro il dolore” erano presenti i massimi esperti della terapia del dolore in Italia, il professor Guido Fanelli (presidente della Commissione ministeriale Dolore e Cure Palliative) e il presidente della Fondazione ISAL, William Raffaeli. In sella, insieme con medici e specialisti, anche il top management di Grünenthal Italia, che ha offerto sostegno incondizionato alla manifestazione: una lunga pedalata attraverso un percorso di 85 km, impegnativo e particolarmente suggestivo, nel quale medici e farmacisti-corridori hanno affrontato anche i classici tornanti di Piantonia, percorso storico della prima Mille Miglia.