Nanotecnologie: nuovo laboratorio d’eccellenza inaugurato a Empoli

Inaugurato sabato scorso il nuovo laboratorio di ricerca sulle nanotecnologie a Empoli, orgoglio per la ricerca toscana e italiana

Ricerca per l'innovazione in campo medico, biologico, ambientale e dei nuovi trattamenti delle superfici: inaugurato sabato scorso, 14 settembre, il laboratorio di ricerca sulle nanotecnologie del Polo Universitario di Empoli.
 
Il progetto, cofinanziato dalla Regione Toscana con finanziamento europeo, dal Comune di Empoli, e dall'Ente Cassa di Risparmio di San Miniato, ha un valore complessivo di 3,12 milioni di euro. Grazie all'innovatività delle attrezzature e dei percorsi di studio e di ricerca attivati, la struttura si posiziona come punto di riferimento non soltanto per l'Italia ma anche per l'Europa. 
 
L'attivita' di ricerca del laboratorio – gestito dal Consorzio Grint (Gruppo di Ricerca Innovazione Nanotecnologie Toscano) – si concentrerà sullo studio delle applicazioni della nanotecnologia in diversi settori produttivi di interesse a livello regionale e nazionale, primi fra tutti il biomedico e il farmaceutico.
 
"In questa fase di difficoltà dell'economia un elemento fondamentale su cui lavorare è la riduzione del gap di competitività – ha detto durante l'inaugurazione l'assessore Gianfranco Simoncini –. Un obiettivo raggiungibile solo con un ingente investimento sull'innovazione e sul sostegno di tutti i processi di ricerca e trasferimento tecnologico che possono accrescere qualità e concorrenzialità dei nostri prodotti. […] La Regione Toscana ha lavorato per il potenziamento dei poli innovativi e per qualificare la strumentazione del sistema di imprese, un impegno di cui la giornata di oggi è una testimonianza importante. Ed è significativo che ciò avvenga a distanza di qualche giorno dall'inaugurazione al polo di Sesto del Centro ricerca e impresa del Cnr che, per la prima volta, allinea le molteplici strutture e vocazioni del prestigioso ente di ricerca mettendole al servizio delle imprese toscane per potenziarne gli sforzi di innovazione".