Google entra nella salute e lancia Calico per le malattie dell’invecchiamento

Alla guida di Calico, spin-off di Google dedicato alla salute, ci sarà Art Levinson, già ai vertici della biotech Genentech e Apple. L'annuncio in un post

Google annuncia la nascita di Calico, “una nuova società focalizzata sulla salute e il benessere, in particolare nella sfida all’invecchiamento e alle malattie associate”. E’ lo stesso Larry Page, fondatore e Chief executive (Ceo) del colosso di internet, ad annunciare “il lieto evento” con un post su Google plus+ network  in cui precisa che amministratore delegato di Calico sarà Art Levinson, presidente ed ex CEO della biotech Genentech e presidente della rivale Apple.

Nessuna informazione sull’entità dell’investimento, che Page definisce" molto piccolo rispetto al nostro core business " e nemmeno sulle aree di ricerca sanitaria dello spin- off , anche se, vista la provenienza di Levinson da Genentech (acquisita da Roche nel 2009), non dovrebbe mancare il biotech.

"Troppo presto per discutere i dettagli " soprattutto relativi  a potenziali problemi di privacy della nuova società che potrebbe contare su dati sanitari di pazienti estrapolati attraverso i suoi ampi servizi di pubblicità sulla salute.

Con Calico, Google scommette per la prima volta in un settore esterno al suo core business: finora la maggior parte dei nuovi prodotti sono stati sviluppati in Google X,  laboratorio del  co-fondatore Sergey Brin che hanno dato vita alla tecnologia dell’auto senza conducente e a quella degli occhiali "smart". Google è anche uno dei più grandi venture capitalist della Silicon Valley attraverso il suo braccio Google Ventures , investendo in una vasta gamma di tecnologie .

"OK . . . quindi probabilmente stai pensando wow ! Questo è molto diverso da quello che Google fa oggi", si legge nel post che annuncia la nascita di Calico, ma nella lettera del 2004 in cui Page e Brin hanno scritto agli azionisti al momento dell’Opa iniziale della società, i due avevano  promesso di fare scommesse non convenzionali a lungo termine e su grandi, nuove opportunità per "rendere il mondo un posto migliore" . "Non stupitevi se investiamo in progetti che sembrano strani o speculativa rispetto al nostro business internet", ha detto il Page.