Londra: Ministero e Aifa al workshop sulle cure personalizzate e sostenibilità

Le strategie per coniugare progressi scientifici e vincoli economici al centro del tavolo, a cui hanno partecipato il ministro Lorenzin, Pani e Pecorelli (Aifa)

Come coniugare gli investimenti per la ricerca e l’innovazione dei “farmaci personalizzati” con la sostenibilità dei servizi sanitari nazionali: questo il tema del workshop “Adaptive Pathways for Personalised Medicines – Supporting Innovation in Europe”, svoltosi ieri, 3 dicembre, a Londra e che ha visto la partecipazione del ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, e del presidente e del direttore generale dell’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa), Sergio Pecorelli e Luca Pani.

Organizzato dall’Ambasciata italiana a Londra, in collaborazione con l’Agenzia Europea dei Medicinali (Ema) e la European Biopharmaceutical Enterprises (Ebe), il convegno è stato concepito come tavolo di discussione fra rappresentanti del mondo accademico ed istituzionale, di strutture ospedaliere e industrie, e di investitori di venture capital.

Al centro del workshop, le strategie da adottare per coniugare “i progressi della scienza medica, che alimentano lo sviluppo di terapie avanzate e della medicina di precisione”, con i vincoli di natura economica e regolatoria e, dunque, i meccanismi di validazione e rimborso dei farmaci altamente innovativi

Il dibattito è stato introdotto dal direttore dell’Ema, Guido Rasi, e concluso dal presidente dell'Aifa Pecorelli. Al direttore generale dell'Aifa, Luca Pani, è stata affidata la moderazione della sessione centrale sui “Fattori che intervengono nell'introduzione dei farmaci personalizzati da parte dei sistemi sanitari europei”, durante la quale sono stati analizzati nuovi modelli autorizzativi flessibili a disposizione delle agenzie regolatorie per rispondere al cambiamento e garantire farmaci ad alto contenuto terapeutico per i pazienti.

"Garantire cure migliori all’interno di un sistema che sia reso sostenibile”. E' quanto dichiarato a margine del workshop dal ministro Lorenzin, che ha garantito anche l’impegno dell’Italia a sostegno di “Horizon 2020, il più grande programma mai promosso dall’Europa a sostegno della ricerca e dell’innovazione, che nei giorni scorsi è stato approvato dal Parlamento europeo. Con uno stanziamento di 77 miliardi di euro per il periodo 2014-2020, il programma avrà ufficialmente inizio il 1° gennaio 2014.