Merck cede a Santen i diritti dell’oftalmologia in Europa, Giappone e Asia Pacifico

Per 2-5 anni Santen si rifornirà da Merck. L'americana continuerà a vendere in America Latina, Canada, Australia e Medio Oriente

 Il gruppo farmaceutico americano Merck ha raggiunto un accordo per cedere alla nipponica Santen Pharmaceutical i diritti dei propri prodotti oftalmologici in Europa, Giappone e Asia Pacifico.

In base ai termini dell'accordo Santen, specializzata in oftalmologia, riceverà un pagamento iniziale di 600 milioni di dollari, cui si aggiungeranno somme sulla base di successivi traguardi commerciali. Per un periodo compreso fra i 2 e i 5 anni, inoltre, Santen continuerà a rifornirsi da Merck per i prodotti oggetto dell'intesa, tra cui i colliri Cosopt (dorzolamide cloridrato +  timololo maleato) e Timoptic (timololo) per il trattamento del glaucoma e dell'ipertensione oculare. In totale il giro di affari annuo nei mercati considerati dei trattamenti oggetto dell'accordo è pari a circa 400 milioni di dollar.

Merck continuerà a vendere i suoi prodotti in America Latina, Canada, Australia, Medio Oriente e Africa e altri mercati. Tra il 2013 e il 2014 Merck aveva, inoltre, già ceduto il business oftalmologico negli Usa ad Akorn Pharmaceuticals.

 “La decisione di disinvestire il nostro business oftalmologico è parte della strategia in corso, mirata a focalizzare le attività commerciali e a migliorare l’efficienza operativa”, ha affermato Jay Galeota, responsabile Hospital and Speciality Care di Merck. “Questa transazione – ha aggiunto – riguarda prodotti che completano il portafoglio di Santen ed è pensata per assicurare a medici e pazienti una continuità di accesso a questi farmaci in tutto il mondo”.

Nei giorni scorsi Merck ha reso nota anche la cessione della divisione Consumer Health alla tedesca Bayer, che diventa così il secondo fornitore al mondo di farmaci senza obbligo di prescrizione.