APOD: Centri di terapia del dolore spalancano le porte ai medici di famiglia

APOD “Ambulatory Pain Open Door”, progetto lanciato dall’Azienda Ospedaliera Universitaria di Parma, al fine di imprimere un’accelerazione all’applicazione della Legge 38. Per stringere le maglie della Rete di cure palliative e di terapia del dolore, e garantire la continuità assistenziale e terapeutica nel campo delle cure antalgiche, il Progetto APOD mira a mettere in contatto diretto i medici di Medicina Generale con gli specialisti del dolore: per favorire un dialogo più serrato fra la medicina territoriale e la specialistica, e per aiutare i medici di famiglia a identificare più rapidamente il tipo di dolore avvertito dai pazienti. Nel video, interviste al professor Guido Fanelli, presidente della Commissione ministeriale Terapia del dolore e cure palliative, professore ordinario di Anestesiologia e Rianimazione presso l’Università di Parma, e al dottor Massimo Allegri, terapista del dolore dell’Università di Pavia, Fondazione Irccs San Matteo.