Usa: dodici possibili blockbuster approvati nel 2014 secondo Nature

Si prevede che solo tre supereranno i 2 miliardi di vendite annuali. 2014 anno record per i farmaci orfani, in salita anche i biologici approvati

Delle 41 nuove terapie approvate negli Stati Uniti nel 2014, dodici potrebbero diventare blockbuster nel giro di cinque anni ma solo tre di queste supereranno la soglia dei 2 miliardi di vendite. E’ quanto riportato in un’analisi pubblicata sull’ultimo volume di Nature Reviews Drug Discovery. Nel confronto, nel 2013 i farmaci blockbuster attesi erano tredici, di cui sei con vendite annuali previste superiori a 2 miliardi.

Un anno, il 2014, caratterizzato da un raddoppio delle approvazioni dei nuovi farmaci che nel 2013 si erano attestate a quota 27. Il 2014 ha rappresentato anche il maggior anno fino ad oggi per approvazioni di farmaci orfani: diciassette (41%) le designazioni totali rispetto alle nove dell’anno precedente e le tredici del 2012. Le terapie biologiche approvate nell’anno sono state undici (27%), contro le due del 2013 e le sei approvate ogni anno dal 2009 al 2012. Guardando il dato per area terapeutica a guidare la classifica entrambe con nove farmaci (il 22%) sono l’oncologia e le patologie infettive.

Il Centro per la valutazione dei farmaci e della ricerca (Cder) della Food and Drug Administration ha inoltre approvato nove farmaci (22%) che avevano ricevuto la designazione di breakthrough therapy. Otto farmaci sono stati approvati con percorso accelerato, di cui sette con indicazione oncologica. Proprio su questo versante, secondo Chris Milne, direttore di ricerca presso il Tufts Center for the Study of Drug Development di Boston, molto può essere ancora fatto “per promuovere l’uso di questo percorso di approvazione anche per altre aree terapeutiche”.

L’ANALISI