Responsabilità medica, De Filippo: a breve testo unico

All'esame della Commissione Lavoro della Camera sette disegni di legge che un comitato ristretto provvederà a unificare

“La responsabilità professionale in campo medico è un problema molto sentito. Il costo della medicina difensiva negli ultimi anni si stima in 10mld di euro. La legge Balduzzi ha provato a fare chiarezza ma ha dei limiti. Oggi all’esame dell’ XI Commissione Lavoro della Camera ci sono 7 disegni di legge che un comitato ristretto a breve dovrebbe sintetizzare in un unico testo. Parallelamente al lavoro del Parlamento anche il ministero della Salute produrrà un suo documento sulla responsabilità medica”. A dirlo è il sottosegretario al ministero della Salute, Vito De Filippo, in occasione di un convegno a Roma sulla responsabilità in campo sanitario promosso dalla Corte d’Appello di Roma, l’Istituto Orme e l’Università Tor Vergata di Roma.

Secondo i dati del rapporto Marsh Risk Consulting, ricordati oggi nel corso del convegno,  in Italia il numero di denunce nei confronti dei medici è raddoppiato negli ultimi vent’anni: quasi 30 mila casi all’anno che in media fra il 2004-2013 equivalgono a 17 procedimenti ogni 100 medici. Eppure, secondo il primo presidente della Corte di Cassazione, Giorgio Santacroce – internvenuto all’apertura dei lavori – “il ricorso alla giustizia penale” dovrebbe essere “l’estrema ratio” e “solo in caso di colpa gravissima del medico”.