Regioni: “Proseguire con l’applicazione dei costi standard per garantire equità Ssn”

Oggi l'audizione sulla sostenibilità del Servizio sanitario nazionale in Commissione Igiene e Sanità del Senato. Chiamparino: "Abbiamo deciso di farci carico dei tagli, ma solo per il 2015. Si deve tornare presto a un tavolo per adeguare il Fondo sanitario"

Proseguire senza indugi con l’applicazione dei costi standard, che ha avuto inizio con la definizione, seppur in via sperimentale, del riparto del Fondo sanitario nazionale (Fsn) per l’anno 2013. Solo così si potranno garantire nei prossimi anni universalità, solidarietà, equità, qualità ed efficienza nell’erogazione dei servizi al cittadino.

A chiederlo la Conferenza delle Regioni, durante l’audizione di oggi in Commissione Igiene e Sanità del Senato, sulla sostenibilità del Servizio sanitario nazionale (Ssn), con riferimento alla garanzia dei principi di universalità, solidarietà e di equità. A guidare la delegazione Luigi Marroni, assessore alla sanità della Regione Toscana e Massimo Garavaglia, coordinatore della commissione Affari finanziari della Conferenza delle Regioni.

Le Regioni hanno spiegato che il Patto per la Salute ha come obiettivo prioritario quello di promuovere un’assunzione di responsabilità del Governo e delle Regioni nell’individuare strumenti innovativi – dalle nuove tecnologie ai nuovi farmaci – e politiche che garantiscano un futuro certo al Ssn, seppur in una congiuntura economica difficile in cui ognuno faccia responsabilmente la propria parte. Il Fondo sanitario nazionale (Fsn) è sottofinanziato di almeno 18 miliardi rispetto alla media degli altri Paesi Ocse, e di circa 30 miliardi rispetto a Francia e Germania. Le Regioni, infatti, ritengono fondamentale continuare a garantire, con le misure che sono previste nel Patto, l’universalità del Ssn, che deve assicurare i livelli essenziali di assistenza (Lea) in modo appropriato e uniforme su tutto il territorio nazionale. Si dovrà, quindi, prevedere un adeguato finanziamento per garantire la sostenibilità dell’attuale sistema pubblico.

Le risorse concordate per l’anno 2015 (112.062 mld di euro) e quelle per l’anno 2016 (115.444 mld di euro) sono state poi rimesse in discussione con l’attuale proposta di disegno di legge sulla stabilità per l’anno 2015 attualmente in discussione in Parlamento. Si ricorda che la Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome non aveva condiviso la previsione, inserita nel Def, di legare la determinazione del fabbisogno al Pil perché tali risorse dovrebbero avere una determinazione indipendente.

Secondo il rapporto del 2014 della Corte dei Conti, nel 2013 le uscite complessive per assistenza sanitaria, in termini di contabilità nazionale, si sono attestate a 109,3 miliardi di euro in seppur lieve flessione rispetto al 2012. Per il terzo anno consecutivo la spesa presenta una riduzione in termini nominali (-0,3 per cento contro il -1,3 per cento dello scorso anno secondo gli importi rivisti anche in relazione all’esercizio 2012), mentre rimane sostanzialmente invariata in termini di prodotto. In particolare, in sanità i provvedimenti legislativi che si sono succeduti negli ultimi anni, dal 2011 in poi, avevano già ridotto complessivamente le risorse in sanità nel periodo 2012-2014 di circa 23,5 miliardi di euro per cui è impossibile sostenere ulteriori tagli.

Al fine di garantire sostenibilità al Ssn, le Regioni e PP.AA. hanno già da tempo condiviso la necessità di un’azione per il contenimento della spesa sanitaria e dell’esigenza di mantenere inalterati gli standard assistenziali e ospedalieri da parte del servizio sanitario nazionale attraverso misure di razionalizzazione della spesa di beni e servizi senza impatto sui livelli di erogazione dei servizi finali. Occorre un miglioramento qualitativo e il potenziamento di tutti gli strumenti di governo della spesa, ivi compreso quelli del livello centrale, rimuovendo le cause di ridotta operatività degli stessi.

Tra gli importanti impegni assunti con il Patto per la Salute in merito alla sostenibilità del sistema si segnalano: l’aggiornamento del Dpcm dei Lea del 2001; la revisione del sistema di partecipazione alla spesa e delle esenzioni. Inoltre, si ricorda che all’inizio di agosto è stata adottata l’intesa in Conferenza Stato-Regioni dove il provvedimento era incardinato da due anni, sul regolamento sugli standard qualitativi, strutturali, tecnologici e quantitativi relativi all’assistenza ospedaliera in attuazione del decreto 95/2012 (Spending Review).

“Abbiamo accettato di farci carico per il 2015 del peso della rinuncia all’aumento previsto del Fondo sanitario, ma è evidente che al più presto dovremmo riprendere il round di negoziati in vista della prossima legge di stabilità – afferma il presidente della Conferenza delle Regioni, Sergio Chiamparino, a margine dell’incontro di oggi in via Parigi – perché è chiaro che questo deve considerarsi una parentesi congiunturale e non un dato strutturale, quindi bisognerà tornare a un tavolo per adeguare il Fondo sanitario alle nuove esigenze come la revisione dei Lea o come la messa a disposizione dei farmaci innovativi”. Per quanto riguarda la ripartizione dei tagli, Chiamparino assicura che “arriveremo a definirli entro marzo, come previsto dall’intesa”.